Siamo appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Siamo uno specchio capovolto della realtà, fuori c’è il patriarcato qui una "società gilanica", fuori c’è il petrolio qui siamo pro E-Cat: per previsioni sull’esterno invertite (quasi) sempre i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

BACHECA DEL BLOG

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

sabato 31 dicembre 2016

22 spassi per congedare il 2016 e salutare il 2017

99 : commenti
Bye bye 2016

1. Non c'è scampo



2. Da essere umano a mostroll



3. Social da pazzi



4. Selfie-made man



5. Hashtag-dipendenza



6. Oppio dei popoli



7. In Whatsapp io vi dico



8. Scienza non tanto pura



9. Trivellendum del 17/04/2016




10. Referenzum del 04/12/2016



11. Lunga vita al referenduX



12. C'è chi dice NO



13. Il new deal Italia-USA



14. Quel paragnosta di Fassino



15. Imminente apertura (da gennaio 2011)




16. Dolcetto, c'è poco da scherzare



17. Rimandiamo a dopo Natale



18. Il pianeta delle renne



19. Torno subito



20. Jurassic Christmas



21. Incredibile scoperta


22. L'eterno impasse di 22 passi


Buon 2017 :-)

venerdì 16 dicembre 2016

Senatus Populusque Romanus

45 : commenti
Mi dispiace si svelino così in fretta e così drammaticamente gli effetti dei tre fondamentali errori del movimento 5 Stelle, prima di aver prodotto l'atteso rinnovamento degli altri partiti. 

Il primo errore è costituito dalla mistificazione di considerare i propri eletti cittadini puri, portavoce dei cittadini tutti: contrapponendo cittadini onesti (tutti) e politici degli altri partiti corrotti (tutti). Ancorché l'ipotesi possa compiacere gli elettori è falsa: noi cittadini non siamo, nemmeno percentualmente, più onesti dei politici che eleggiamo.

Il secondo assunto sbagliato è la pretesa di far governare le grandi città, o l'Italia, da dilettanti allo sbaraglio, costringendoli poi o a farsi commissariare dai proprietari del marchio 5 stelle, non eletti da nessuno, o a farsi affiancare da specialisti di "chiara fama" quasi la loro esperienza professionale dentro le amministrazioni potesse venire dalla luna e non da frequentazioni, quantomeno interessate, con il mondo politico: come nel caso di Paola Muraro. Le competenze consolidate di un eletto devono essere di due tipi: una principale, rappresentativa, e una subordinata alla prima, amministrativa. Deve avere la virtù di saper rappresentare e risolvere i drammatici problemi della comunità nell'incontro con le diverse istanze di coloro che si battono contro l'ingiustizia sociale crescente, a partire dal punto di vista delle sue vittime. Una tale rara qualità umana dev'essere legittimata da anni di partecipazione alle lotte per la difesa dei loro diritti, delle quali dev'essere espressione diretta con coraggio e determinazione, resistendo a ogni prepotenza, minaccia o tentativo di corruzione. Deve inoltre mettere a servizio di questa visione strategica la capacità di amministrare l'interesse pubblico, a cominciare dai livelli più vicini alla comunità. Poiché prima di spiegare agli altri, anche solo dall'opposizione, come si amministra una grande città o uno stato, deve aver dato minima prova della sua capacità di farlo, o almeno di comprenderne la complessità.  Il suo unico requisito non può essere la garanzia di non avere un passato politico e di essersi fatto esclusivamente i fatti propri, come un qualsiasi cittadino di scarsa coscienza sociale, senza alcuna dimostrata esperienza di cura efficace del bene comune. Non basta dire, per Roma o per l'Italia: «abbiamo ereditato una situazione insostenibile». Se ti sei candidato con la promessa di risolvere i problemi meglio di chiunque altro, poi non devi nascondere la tua incapacità dietro le responsabilità di quanti ti hanno preceduto. Altrimenti non sei migliore di loro, per due ragioni di pari gravità: o non eri consapevole della drammaticità della situazione che dicevi di conoscere come nessuno, o hai mentito consapevolmente millantando la tua capacità di risolverla solo per farti eleggere.

Il terzo errore è lo stesso che ha fatto finora la fortuna del movimento: procacciando consensi a destra e a manca. «La distinzione vera è tra onesti e disonesti, nel 2016 non ha più senso distinguere fascisti e antifascisti, suvvia, sono passati 72 anni dalla caduta del fascismo!», dicono. Perché? I fascisti non ci sono più? Ma dai! Da quale anno sono diventati più bravi? Non sono sempre quelli che, ovunque nel mondo, si fanno corrompere dai poteri finanziari e reprimono duramente ogni movimento popolare, incarcerano, torturano e uccidono gli oppositori, scatenano guerre genocide, discriminano donne, persone di diverso colore, condizione fisica, lingua, cultura, religione, orientamento sessuale? Se poi ci hai creduto davvero e affidi l'organizzazione del Comune di Roma a Raffaele Marra, braccio destro del fascista Alemanno, l'amministrazione romana più corrotta dopo quella del ventennio, ti svegli e capisci quanto costerà l'inganno d'aver vinto grazie ai voti di destra: a te. E quel che più conta ai Romani.

Franco Sarbia


mercoledì 7 dicembre 2016

Reazioni nucleari anomale: la faccenda si fa... tiepida!

34 : commenti
Post di Daniele Passerini

Il caro amico Francesco Celani ha osservato, in una breve riflessione inviata oggi alla sua mailing list, che la "grande stampa" scientifica anglosassone sembra stia facendo a gara nel pubblicare articoli "pesanti" o recensioni molto "probabiliste" sull'esistenza di fenomeni nucleari non ancora noti.

Il 23 novembre scorso Nature ha pubblicato un articolo di Mikio Fukuhara riguardo una produzione di calore al centro della Terra in quantità superiore a quella che la fisica consolidata prevede:


Oggi Scientific American, dopo 2 settimane dal predente articolo che si occupava principalmente di anomalie termiche, ne ha pubblicato un altro, Steven B. Krivit e Michael J. Ravnitzky, centrato su aspetti nucleari (in particolare neutroni): 


Conclude Celani "di nuovo, a mio parere, unica nota stonata su Scientific American, è quella in cui si dà l'impressione che la maggior parte dei lavori siano stati svolti in USA: Giappone, Cina, Russia, India, Italia praticamente non esistono..."!

Non sarà - aggiungo io - che, tra fusione fredda e LENR a un estremo e fusione calda all'altro, comincia a delinearsi anche una via mediana alla "fusione tiepida"? ;-)

LINK:

sabato 3 dicembre 2016

Violazione dell'art. 9 della L. 212/1956 e ss.mm.

119 : commenti

Post di Daniele Passerini

Cari lettori di 22passi.

Oggi, sabato 3 dicembre, invece di potere riflettere serenamente sul voto che esprimerà al referendum di domani, ogni elettore viene raggiunto costantementeovunque (stampa, internet, TV, radio) dalla propaganda a favore del SI...

Per contrastare questa gravissima violazione dell'art. 9 della legge 4 aprile 1956 n. 212, così come modificato dalla legge 24 aprile 1975 n. 130, invito caldamente tutti i frequentatori del blog a rispettare la giornata di

SONNO ELETTORALE
Related Posts with Thumbnails