Siamo appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Siamo uno specchio capovolto della realtà, fuori c’è il patriarcato qui una "società gilanica", fuori c’è il petrolio qui siamo pro E-Cat: per previsioni sull’esterno invertite (quasi) sempre i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

BACHECA DEL BLOG

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

sabato 29 novembre 2014

Il sabato della sciarada - 38

42 : commenti

Oggi vi stupisco con effetti speciali alla Interstellar! ;-)
Ecco a voi una sciarada relativa a fatti avvenuti recentemente, che verrà scritta giusto tra poche ore, benché ci arrivi in questo istante direttamente dal futuro!

38. GRAN SAPIENTONI VS INARRESTABILI TRASFORMAZIONI1

Xxyyỳ suscitano certe critiche
che improvvide menti d'una certa yyỳ
contrabbandeggiano2 per scientifiche.
Diffidate di siffatte “verità”,
maneggiatele con molle e con xxzzz
ché alla gioia e al gusto di chi credette
vendetta e contrappasso son xxyyyzzz
d'apparecchiar sul desco ben ben fredde!

  1. La sciarada (in endecasillabo a rime alterne) è stata estratta da un codice-dati parzialmente corrotto, pertanto gli esegeti sono discordi nell'identificare l'ultima parola del titolo come trasformazioni o trasmutazioni.
  2. 3a pers. plur., Ind. Pres. di contrabbandeggiare - Neologismo attestato per la prima volta nell'anno XIV del XXI secolo su www.22passi.blogspot.com, significante l'azione di contrabbandare operata da bande organizzate; per estensione: spacciare per fondate contestazioni pretestuse,  passatempo di numerosi piccoli gruppi di persone che tra il XX e il XXI secolo, in nome di un falso concetto di Scienza, ne ostacolarono a lungo il progresso, in particolare nel campo della Fisica Nucleare e della Chimica. Cfr. anche l'assonanza con maramaldeggiare.

giovedì 27 novembre 2014

KANTHAL Silicon Carbide
Electric heating elements

162 : commenti
Ops... ;-)

http://heatingelements.hitempproducts.com/Asset/Silicon-Carbide-Electric-Heating-Elements.pdf

sabato 22 novembre 2014

Il sabato della sciarada - 33-34-35-36-37

50 : commenti
33. PRIMIZIE
Lassù, xxx quelle yyyy e quei dirupi
spuntano le xxxyyyy selvatiche.

34. PIETÀ DI LEI
Guardala, è xxxx e non yyyyy nulla,
va proprio yyyxxxxyy quella donna!

35. OPERAI SENZA TUTELE
Lavorare per anni ai xxyy
esposti
di quel fetido olio yyzzzzzz
li trascinò al loro xxzzzzzz!

36. SCIENZA E FEDE
Xxx la scoperta di quella yyyyy'
Frazer xxxyyyyyzzz' all'ascesa
dell'antropologia ed al suo clou
suscitando l'zzz della Chiesa.
 

37. CAMBIO DI ACCENTO
Hanno portato il xxxxxxxxxx con loro,
mi auguro xxxxxxxxxx presto a casa!

venerdì 21 novembre 2014

La macchina del fango contro l'E-Cat:
non bastando più le OChe spuntano i COdegoni!

294 : commenti
(post di Bert Abbing)

In queste righe vorrei analizzare il contenuto dell’ ”articolo” Fusione fredda: l’ECat e tutti i dubbi sul nuovo test scritto da Alessandro Codegoni, che si definisce, nelle pagine ove pubblica “Giornalista scientifico” (http://www.qualenergia.it/alessandro-codegoni), ma che non appare iscritto all’albo né dei giornalisti professionisti né dei pubblicisti almeno fino alla data di aggiornamento di questi (consultabile dal sito http://www.odg.it/content/elenco-iscritti-0).

Fin dalla lettura delle prime righe del “pezzo” ed anzi fin dal titolo, appare chiaro, quasi fossimo alla scuola elementare, il tema che si è dato l’autore: quello di screditare Rossi e gli autori del TPR2.
In realtà ci troviamo di fronte, a un collage, una riscrittura mal fatta, di vecchie critiche e temi già noti alcuni dei quali non hanno nulla a che vedere con il report stesso ma servono solo all’autore per fomentare un clima di sospetto e odio contro Andrea Rossi.
Molte sono le affermazioni o marcatamente false o abilmente manipolate.
A cominciare dalla citazione ammiccante e malevola a fatti (noti), senza però dire che Andrea Rossi è stato completamente scagionato da quelle vicende
Continuando col dire che Rossi avrebbe annunciato l’apertura di fabbriche in America, ma dimenticando di dire che gli annunci non stati fatti soltanto da lui ma anche dalla Industrial Heat che ha acquistato i diritti di sfruttamento per USA, RUSSIA e CINA ed ha svolto lei stessa test indipendenti, ora resi pubblici, prima di acquistare la tecnologia. 
Il linguaggio con cui ci si riferisce agli ultimi test svolti è alquanto becero, poco professionale, pieno di ripetizioni e persino errori grammaticali nell’uso dei pronomi.
Si accusa Rossi di organizzare lui i test, che sarebbero condotti sempre dalla stessa “cerchia” di persone, dimenticando di dire che i nuovi test, svolti per un lungo periodo, erano già stati annunciati dal gruppo di ricercatori nel primo report pubblicato più di un anno fa e sono quindi il proseguimento di un lavoro di ricerca già avviato da anni.
Si trascura anche di dire a questi test hanno partecipato enti esterni, quali l’azienda Elforsk (l’ENEL Svedese) e l’Accademia di Svezia (nota per assegnare ogni anno i premi Nobel), che vengono ringraziati nel report.
Per cercare di distruggere il contenuto del report, ed attaccare quella testate ben più diffuse e storiche rispetto a quella ove scrive (“Panorama”), l’autore afferma di aver consultato due esperti.

Il primo, un consulente privato, critica il report in generale, anche qui usando un linguaggio inadatto a un professionista. Affermare infatti che nel report i grafici sarebbero stati “messi ad arte” è un vero e proprio insulto e dimostra forse da parte di chi compie questa affermazione una mancanza di preparazione e probabilmente di comprensione dei grafici stessi.
Se non si comprende il contenuto di un report è ovvio che questo ci appaia poco chiaro.
Anche nella parte ove critica la tecnica usata per misurare l’energia, chi è stato consultato dimostra la sua impreparazione. Progettare un calorimetro preciso non è banale come alcuni vogliono far credere e anche un calorimetro ad acqua, così come qualunque altro sistema di misura, potrebbe “essere influenzabile e manipolabile”.  
La scelta delle termocamere appare anche giustificata per due motivi fondamentali
  1. non perturbare il sistema dall’esterno con raffreddamento forzato che a quel punto avrebbe fatto parte integrante del sistema di controllo del reattore determinandone il punto di lavoro, ovvero fare in modo che il sistema di misura fosse completamente esterno e indipendente dal reattore stesso,
  2. avere una documentazione filmata continuativa per tutta la durata del test del sistema.

Le altre critiche poste sono anch’esse prive di fondamento. Non è possibile infatti giudicare la temperatura da una foto pubblicata come lui fa! Una foto sì che è manipolabile! Per misurare una temperatura in base al colore ci vuole un pirometro tarato e preciso! 
Inoltre se avesse guardato con attenzione le foto avrebbe visto che il telaio in ferro (non lamierino) su cui è appoggiato il reattore ha solo un minimo punto di contatto con esso e anche quel punto è stato isolato (presumibilmente con pasta di allumina). Senza conoscere inoltre il punto  esatto di inserzione della sonda k e il tipo esatto di lega usata per i cavi non è possibile affermare che questi si sarebbero dovuti fondere.
Questi punti tra l’altro appaiono una copiatura mal fatta da critiche già apparse su altri blog, così come il fatto di non aver “staccato la corrente”, punto che è già apparso nella rete e che non ha fondamento perché per un reattore raffreddato solo con convezione naturale e irraggiamento, il “regime di autosostentamento” è un punto di lavoro estremamente critico e, come specificato nello stesso report, agli autori interessava fare una prova di durata che non avesse potenziali esiti distruttivi, come una delle prime prove documentate nel TPR1, e hanno quindi scelto deliberatamente di porsi in un regime subcritico ben al di sotto delle potenzialità massime del sistema.
Le dichiarazioni riguardanti il fatto che le trasmutazioni isotopiche misurate, non solo con lo spettrometro di massa citato ma anche col metodo SIMS, che NON viene citato nell'articolo, siano frutto di una “frode deliberata” appaiono sorprendenti, eventualmente al limite della diffamazione, e contrastano con quanto scritto nel report ove gli autori, tra i quali spicca un esperto di analisi scientifica forense, affermano di aver controllato ogni operazione fatta da Rossi, fatto questo accuratamente omesso dall’articolo.

Noto che la mancata citazione delle analisi SIMS non appare casuale. Se è vero che esistono isotopi  puri in commercio (ed ovviamente lo sanno anche gli autori del TPR2) appare molto complesso costruire in modo artefatto polveri ove negli strati esterni (SIMS) lo spostamennto Li7->Li6 è più marcato rispetto al totale (spettrometro di massa). Questo fatto fa pensare che sia il Litio e non il Nickel la vera sorgente di energia e quindi verrebbe a mancare di fondamento anche l'obiezione riguardante la totale trasmutazione del Nichel in NI62, che è il nuclide con energia di legame più alta conosciuto.

Nel frattempo, ed anche questo fatto è omesso dalla cronaca, progressi sono stati fatti indipendente a Uppsala su un possibile modello teorico, che avverrebbe non certo per fusione (ipotesi per altro scartata dagli stessi autori del TPR2) ma per tunneling di nucleoni. Quello Stato e quella Università sostengono questa ricerca.

Per concludere, a mio modesto parere, ci troviamo di fronte ad un’articolo ove numerosi fatti vengono deliberatamente omessi e si cerca in modo solo di dimostrare una tesi preconcetta.

Il contesto ove l’articolo è pubblicato mette in chiara evidenza gli interessi economici in gioco. La vicinanza temporale di un Forum sulle “nuove energie” organizzato tra gli altri dalla stessa testata ove l’articolo è pubblicato mette ancor più in evidenza la cosa.

Bert Abbing

giovedì 20 novembre 2014

Autogol clamoroso dei denigratori di Andrea Rossi

20 : commenti
"We decided to offer to all our commercial Licensees to buy back their licence at a price, obviously, superior to the price they paid for it. Some of our Licensees have accepted our proposal and sold us back their license." (Andrea Rossi)

Dedico questa "piccola news" di ieri al troll che - mettendo in stand-by la sua coscienza - dipinge me nel web come un bugiardo... ma sappiamo entrambi benissimo chi è il bugiardo: lui e i pochi "blogger" che ancora gli offrono asilio.



Ma facciamo un passo indietro. Due settimane fa Gabriele lasciava questo commento nel blog...

05 novembre 2014 17:34
salve a tutti,
solo una domanda da persona totalmente estranea ai fatti.
Qualcuno qui sa i motivi per cui il sito della Prometeon si presenta "under costruction" perlomeno dalla "pubblicazione" del TPR II?
ciao,
Poiché di recente avevo ottenuto qualche informazione sulla questione, rispondevo a Gabriele così...


Sì, conosco i motivi e ho promesso ai miei informatori di lasciare che sia Aldo Proia stesso, o chi per lui, a decidere come e quando renderli pubblici.

Per inciso, quando sarà noto quello che è successo, i bè avranno ben ragione a vedere definitivamente sbugiardato il teorema degli unbè secondo il quale il business di Rossi sarebbe esclusivamente quello di vendere licenze; gli unbè da parte loro troveranno sicuramente modo, come al solito, di rivoltare la frittata e sbeffeggiare i bè. E la storia - ahimè - continua senza che si veda ancora la conclusione...


S'intrometteva il solito troll...
Sembra quasi che tu stia dicendo che Proia esce dal business - non stavi dicendo quello vero?
Comunque Rossi i soldi li ha presi. Adesso si tratta solo di uscire con stile senza doverli restituire. Anche tra 20 o 30 anni, per dire, piuttosto che domani stesso - insomma, come gli viene, purché senza che qualcuno lo insegua...
Sapendo bene come stavano i fatti e vedendo bene che lui spacciava per verità delle mere supposizioni, o meglio, delle autentiche calunnie, gli rispondevo così...

05 novembre 2014 21:44

Sembra invece che stai proprio per fare un autogol coi fiocchi! Ma che ti avverto a fare, tanto tu non mi credi... ;)
E ieri finalmente si è concretizzato l'autogol di quel troll e di tutti coloro che - sin dal 2011 - intervengono urbi et orbi nella rete, come idiosincratici martelli pneumatici, ad "aprire gli occhi" (sic!) a chi non ha ancora capito (a dir loro!) che il vero business di Rossi sarebbe quello di vendere licenze (e se lo dicono loro, fidatevi eh!)...
Andrea Rossi (sul JONP)


Daniele Passerini (blogger of “22 Passi”)
You asked me few days ago [il 06/11/2014 per la precisione] about why some of our commercial Licensees have cancelled their websites. The reason is that we decided to offer to all our commercial Licensees to buy back their licence at a price, obviously, superior to the price they paid for it. Some of our Licensees have accepted our proposal and sold us back their license.
The details of the agreements are covered by NDA ( Non Disclosure Agreement).
We maintained with our former Licensees a friendly and collaborative relationship, open to the possibility of future collaboration upon specific issues.
Warm Regards,
A.R.
Era stata infatti la stessa insistenza ed insolenza del troll a spingermi, due settimane prima, a provare a chiedere a Rossi stesso se fosse possibile rendere pubbliche quelle informazioni che giravano ancora in ambiti molto ristretti e coperti da vincoli di riservatezza.


Ecco dunque svelato ieri perché non esiste più il sito della Prometeon. È uno degli effetti della strategia commerciale di Industrial Heat a cui Rossi ora non può che attenersi: dopo la vendita del know how dell'E-Cat a Industrial Heat, la Leonardo Corporation ha proposto a chi aveva già acquistato una licenza per commercializzare l'E-Cat di riacquistarla a un prezzo superiore. Prometeon e altri hanno accettato. 


Ecco dunque l'autogol clamoroso di chi da anni ci spacca i maroni ripetendoci che il business di Rossi è vendere licenze... ops, strano, prima le vende e poi le riacquista pagandole più di quanto aveva incassato prima. Il teorema della truffa crolla dalle fondamenta.


Sarebbe ora che chi si proclama scettico, cominciasse - applicando sul serio il rasoio di Occam - a valutare (bontà sua!) anche l'ipotesi che l'E-Cat funzioni... almeno prima di ritrovarselo in vendita sotto casa!

martedì 18 novembre 2014

Salverà Gaia ma non interessa all'Italia
l'era dell'energia pulita senza petrolio
inventata da Andrea Rossi

83 : commenti
(post di Franco Sarbia)

Nemo propheta in patria.


Quei creduloni dell'Accademia Svedese delle scienze, Barack Obama, Bill Gates e Xi Jinping, si sono presi l'inventore italiano, le sue idee e le sue produzioni: che da sole potrebbero rilanciare l'intera economia italiana. Obama ne ha parlato in Australia al G20, ma Renzi doveva essere troppo impegnato a discutere dell'articolo 18.

(Estratto dal servizioCNN del 12 Novembre 2014 di Joe Shea - traduzione di F. Sarbia)

I segnali in occasione del vertice APEC
mostrano grandi cambiamenti in vista.

«... Quello che non si sa, soprattutto perché non se ne è sentita notizia, è che la fusione fredda ha finalmente raggiunto la maggiore età. Renderà un'inutile era quella di petrolio e gas e carbone ed energia nucleare. È un prodotto che porterà i mercati a disfarsi della speculazione su petrolio, oro e argento, ormai contrapposti a una merce evanescente che non ha più bisogno di coperture rifugio. La fusione fredda, nota come Reazione Nucleare a Bassa Energia (LENR) – un affronto per gli scienziati della fusione a caldo che hanno speso decine di miliardi per tentare di raggiungere ciò che la fusione fredda ha già conseguito con un paio di milioni di dollari – è ormai una realtà. Come "60Minutes" ha urlato ai quattro venti pochi anni fa, “La fusione fredda è di nuovo calda” [ndr. si fa riferimento alla puntata "Cold fusion is hot again" del 2009].
Per l'India, la fusione fredda rappresenterebbe la potenziale opportunità di “una-volta-nella-vita” (e avrebbe potuto esserlo in esclusiva per l'Italia: ndt) per generare un vero, duraturo miglioramento di produttività e prosperità per la sua vasta, ben istruita forza lavoro e l’elevata qualità dei suoi imprenditori; significa porre fine al lungo tempo oscuro della povertà che il suo popolo ha sofferto per duemila anni [cfr. "Modi government urged to revive cold fusion" su Business Standard del 17/11/2014].
Gli scienziati più illustri del mondo, vale a dire, quelli che hanno presieduto o presiedono i comitati della Accademia Reale Svedese delle Scienze dedicati al Premio Nobel per la Fisica e la Chimica, hanno personalmente convalidato il dispositivo creato da un inventore italiano, Andrea Rossi, che vive e lavora in America. La Royal Academy ha anche contribuito a finanziare lo studio, e il premio Nobel della fisica Brian Josephson ha letteralmente scorticato i colleghi scienziati della rivista "Nature" per averlo ignorato.
Quegli scienziati, senza aiuto o presenza di Rossi, hanno provato per 32 giorni un tubo della lunghezza di 20 cm, del peso di poco meno di mezzo chilo – di complessa progettazione, tuttavia – che al termine di quel mese e due giorni avrebbe generato 1.500.000 Wattora di calore con pochi grammi di carburante, rimasto ancora abbondante a conclusione del test.
Mettete insieme alcune migliaia di questi tubi e il fabbisogno energetico mondiale è soddisfatto. Servirà ancora petrolio per la plastica e i lubrificanti, ma non ci sarà più bisogno dei combustibili fossili da raffinare per produrre benzina e gasolio per riscaldamento.
Vladimir Putin (e l'Italia: ndt) sta per subire il più grande “pugno del pollo” che il mondo abbia mai conosciuto. Tutto il suo petrolio, tutto il suo gas naturale, avrà solo una piccola frazione del suo valore attuale.
E la Cina? Non è gente lenta. Hanno visto arrivare il dispositivo a fusione fredda chiamato Energy Catalyzer, e come si può immaginare abbiano fatto con tutto il resto, hanno avviato la produzione sotto licenza di una società americana denominata Industrial Heat LLC of Raleigh, N.C.
I cinesi hanno anche avuto incontri su di esso con il presidente Xi Jinping stesso, e da quelle riunioni di programmazione ad alto livello è arrivata la creazione di un nuovo parco industriale cinese a Baoding, che probabilmente già produce questi oggetti. Rossi li sta anche producendo presso uno stabilimento energetico industriale in North Carolina. I cosiddetti "Hot Cats" venduti per 1,5 milioni di dollari ciascuno, producono un minimo di energia tre volte superiore a quella che utilizzano. La domanda di brevetto depositata da Industrial Heat LLC dice, però, che l'E-Cat ha un coefficiente di prestazione di 11 – il che significa 11 volte più energia rispetto a quella assorbita.
Chi controlla l'interruttore della luce controlla il mondo, e come il mio libro "Power" (disponibile su Amazon) accenna, Obama tiene in mano l’interruttore. Il Presidente può, attraverso un significativo susseguirsi di eventi estremamente ben descritti in “An impossible Invention" del giornalista scientifico Mats Lewan, accendere le luci di tutto il mondo e spegnerle. Anche grandi pensatori come il fondatore di Google stanno leggendo il suo libro, dice Lewan. Un altro grande giocatore dietro le quinte potrebbe essere Bill Gates, che si dice sia l'uomo più ricco del mondo. Quando il miliardario filantropo visitò la Svezia, dopo che Lewan il 30 marzo 2014 gli diede una copia del libro, il Fondatore della Microsoft, Gates,  s’è informato sulla fusione fredda presso il Laboratorio Nazionale Italiano, dell’ENEA, il 12 Novembre. Secondo il maggiore quotidiano italiano, La Stampa, egli era più concentrato sulla "fusione fredda" che su altri argomenti...»
Joe Shea
(traduzione Franco Sarbia)

domenica 16 novembre 2014

Cigni neri e maree della fusione fredda

90 : commenti
Dopo più di un anno - allora si parlava del favore accordato da Al Gore alla Cold Fusion - torno a promuovere su questo blog un articolo scritto dall'eco-imprenditore statunitense Russ George. In verità ha fatto prima ad accorgersene e citarcelo Domenico Canino (vedi commento delle ore 18:16 di oggi nel precedente post) che lo stesso autore a segnalarmelo con una email arrivatami pochi minuti fa dagli USA.

Questa volta Russ George ci parla della visita che il 12 novembre scorso Bill Gates ha fatto ai Laboratori ENEA di Frascati e a Vittorio Violante in particolare. Onore ad Andrea Rampado che (il 13 novembre alle 17:47 sempre nel precedente post) è stato il primo a informare i lettori di 22 passi di questo avvenimento, a cui io stesso lì per lì non riuscivo a credere!

L'articolo in questione si intitola CAN YOU HEAR THE BLACK SWAN (Lo senti il cigno nero?), infatti Russ George paragona la fusione fredda al volo di un cigno nero, un uccello noto per la sua rarità e per essere proverbialmente foriero di cambiamenti drammatici. Inizia quindi a raccontarci come l'uomo più ricco del mondo, Bill Gates, sia andato all'ENEA di Frascati per conoscere le ultime novità sulla ricerca che il nostro Vittorio Violante porta avanti da quasi 25 anni intorno alla fusione fredda.

Perché Bill Gates - si domanda Russ George - ha scelto proprio questo momento per fare una visita a Frascati? Evidentemente perchè il frutto della fusione fredda è ormai maturo e proprio un altro italiano vanta oggi i risultati più sorprendenti: Andrea Rossi e l'Industrial Heat che ha acquistato il know how dell'E-Cat, sembrano essere in grado di produrre megawatt di eccesso di calore e cercano la tutela brevettuale prima di iniziare la produzione. 

Se veramente Bill Gates fosse arrivato a credere nella fusione fredda, allora potrebbe diventare il Cigno Nero, che annuncia una nuova era energetica in grado di salvare il mondo, all'ultimo minuto, dalle devastazioni dell'era dei combustibili fossili.

Dopo il cigno nero del titolo, Russ George conclude con un'altra immagine evocativa: quella di una marea di origine tutta italiana che solleva le barche.

Questa era soltanto una brevissima sintesi del post che Russ George ha pubblicato nel proprio blog Atom Ecology. Il testo integrale (in inglese) è a questo link:

P.S. Peccato che - come al solito - le maree del genio italico vengono tanto disprezzate in patria quanto apprezzate e comprate all'estero.

mercoledì 12 novembre 2014

Fisica dello stato solido? No.
Monopolio di Stato sadico!

195 : commenti
Ieri sera ho acquistato un gratta&vinci da 5 euro. Un gratta&vinci indubbiamente "molto fortunato", eccolo...


Ignoravo che il Monopolio di Stato delle Lotterie potesse essere talmente sadico: 10 (dieci!) vincite sullo stesso "grattino" ma tutte pari al premio minimo di 5 euro, per un totale di 50€. 
Caro Stato, grazie di cuore, però avrei preferito essere "10 volte meno fortunato" e vincere un solo premio d'importo più serio! ;-)
 
NUMERI VINCENTI
35 - 11 - 38 - 45
 
I TUOI NUMERI
44 (5000€) [mi sarei accontentato di questo unico premio!]
12 (200€)
1. 11 (5€)
2. 35 (5€)
3. 35 (5€)
4. 35 (5€)
5. 38 (5€)
6. 38 (5€)
7. 45 (5€)
 
SIMBOLI FORTUNATI
vela - palma
 
I TUOI SIMBOLI
8. palma (5€)
9. vela    (5€)
10. vela  (5€)
 
Totale vincite
5€ x 10 = 50€

A proposito, ho avuto l'impressione che questo gratta&vinci simboleggi molto bene la mia stessa vita: sono fortunato, è vero... ma magari dovrei imparare a mettere meglio a frutto tutta questa fortuna. :-)

lunedì 10 novembre 2014

La dura vita dei troll incatenati alla tastiera!

91 : commenti
Mi sono preso la briga - e tutt'altro che il gusto - di provare a censire l'attività in rete del troll Cimpy in un periodo campione di 10 giorni che va da giovedì 30 Ottobre a sabato 8 Novembre.
Questa ricognizione non può avere alcuna pretesa di esaustività, sia perché è impossibile conoscere tutti gli altri nick utilizzati da questo iperattivissimo troll, sia perché è impresa sovrumana intercettare tutti i commenti che CimPy lascia nei vari blog, forum, siti, social ecc. che frequenta, ovunque cioè si parli di cold fusion, LENR, E-Cat ecc.

Nel periodo in questione Cimpy è intervenuto 142 volte (dunque circa 14 volte al giorno), sempre per attaccare sul medesimo argomento, su almeno due forum e quattro blog (compreso il presente). Però se mi fossi divertito a retrodatare anche di un solo mese il periodo di analisi, vi avrei mostrato come Cimpy, oltre a imperversare sul forum di Energeticambiente e di Cobraf, sui blog di Daniele Passerini, Sylvie Coyaud, Camillo Franchini e Stephan Pomp, presidia molti altri blog e siti e sbeffeggia i "fusionisti" anche dal suo  account twitter, vedasi per esempio:
Beh cosa c'è di male nell'operato del nostro CimPy? Nulla, ci sono miriadi di "fancazzisti" che passano le proprie giornate in rete, tanti adolescenti socialnetwork-dipendenti per esempio. La particolarità di Cimpy però è che innanzitutto dovrebbe essere un po' più grandicello di un adolescente, anche se in verità a volte si comporta più da bambino dispettoso che da adulto responsabile, ma soprattutto che interviene maniacalmente sempre per portare il discorso sull'argomento che pare essere la sua ossessione. È convinto di avere smascherato - lui e altri pochi intelligentoni par suo - un pericoloso truffatore seriale, uno che secondo Cimpy avrebbe truffato persino l'US Army Corp of Engineers e lo stesso governo americano, visto che il presunto truffatore in questione, pur essendo italiano, continua ad avere un passaporto USA e a fare avanti e indietro tra Europa e States e organizzare nuovi business... che strano, eppure li facevo più furbi questi americani. CimPy deve essere molto più intelligente. 

Ed ecco a voi, riassunte nella tabella seguente, 10 giorni di immani cimpyaggini...

venerdì 7 novembre 2014

US Patent Application Publication
2014/0326711 A1 (Nov. 6, 2014)

157 : commenti
E diventata pubblica ieri la nuova domanda di brevetto (risalente al 26 aprile 2014) che Andrea Rossi ha presentato all'Ufficio Brevetti americano per cercare di conquistarsi la tutela legale della priorità intellettuale del suo E-Cat.
Abstract A reactor device includes a sealed vessel defining an interior, a fuel material within the interior of the vessel, and a heating element proximal the vessel. The fuel material may be a solid including nickel and hydrogen. The sealed vessel may be sealed against gas ingress or egress and may contain no more than a trace amount of gaseous hydrogen. The sealed vessel is heated with an input amount of energy without ingress or egress of material into or out of the sealed vessel. An output amount of thermal energy exceeding the input amount of energy is received from the sealed vessel. The fuel material has a specific energy greater than that of any chemical reaction based energy source.
Questo è il link per accedere velocemente (e anche copincollare) al testo del brevetto: 
http://appft.uspto.gov/netacgi/nph-Parser?Sect1=PTO2&Sect2=HITOFF&u=%2Fnetahtml%2FPTO%2Fsearch-adv.html&r=1&p=1&f=G&l=50&d=PG01&S1=20140326711.PGNR.&OS=DN/20140326711&RS=DN/20140326711
Questo è il link al testo e alle figure originali: 
http://pdfaiw.uspto.gov/.aiw?PageNum=0&docid=20140326711&IDKey=72E1CCF23AA9&HomeUrl=http%3A%2F%2Fappft.uspto.gov%2Fnetacgi%2Fnph-Parser%3FSect1%3DPTO2%2526Sect2%3DHITOFF%2526u%3D%25252Fnetahtml%25252FPTO%25252Fsearch-adv.html%2526r%3D1%2526p%3D1%2526f%3DG%2526l%3D50%2526d%3DPG01%2526S1%3D20140326711.PGNR.%2526OS%3DDN%2F20140326711%2526RS%3DDN%2F20140326711
Lo studio legale che segue la nuova domanda di brevetto è il NKK Patent Law.
Buone discussioni
P.S. Nel post precedente il blog ha superato quota 100.000 commenti, grazie a tutti, gentili troll compresi.
Related Posts with Thumbnails