IL BLOG DI QUEI 2+2 GATTI APPASSIONATI D'AMORE, POESIA, SPIRITUALITÀ, LIBRI, MUSICA, POLITICA, DEMOCRAZIA,
TECNO-ECO-SOSTENIBILITA', ENERGIE PULITE, COLD FUSION, LENR "E TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO? OPPURE...

mercoledì 14 maggio 2014

Relazione tecnica finale sulla misura calorimetrica usata nelle demo di Defkalion GT

Riguardo Defkalion Green Technologies questo blog si è più volte schierato sulla posizione espressa, con molta chiarezza e durezza dal Prof. Stremmenos, si vedano per esempio i seguenti post:

Posizione che coincide con quella espressa da Andrea Rossi a partire dell'estate 2011, quando - resosi conto che la DGT si era offerta come partner solo per appropriarsi dei segreti del funzionamento dell'E-Cat e lasciarlo con un pugno di mosche in mano - ne prese drasticamente le distanze denunciandone la mancanza di serietà o tout court le intenzioni truffaldine. Da quel momento Defkalion ha dichiarato di essere riuscita a carpire il know how di Rossi, affermazione che lo stesso Rossi ha sempre ritenuto mendace, e di essere in grado di produrre e commercializzare reattori LENR.

A distanza di 10 mesi dai test svoltosi l'estate scorsa a Milano del rettore Defkalion (non parlo di quelli pubblici, ma di quelli che si erano svolti a porte chiuse pochi giorni prima), Luca Gamberale (Mose srl) ha finalmente reso pubblico il report che, in pratica, dimostra che ad oggi DGT non è riuscita a dare alcuna prova reale del funzionamento del suo reattore R5 e che, anzi, sembra proprio che i tecnici greci della DGT abbiano palesemente barato sulle misure. Infatti, come spiega Gamberale, "scegliendo opportunamente la regolazione delle valvole a monte e a valle del flussimetro, la produzione di vapore a basso regime di flusso produce turbolenza e induce un rigurgito di acqua in ingresso in grado di invertire temporaneamente la direzione del flusso stesso all’interno del flussimetro."

Ieri Mats Lewan ha reso disponibile, sul blog dedicato al suo recente libro, la versione in lingua inglese del report, spetta a me ora rendere pubblica la versione in italiano che potete scaricare dal link in fondo a questo post, intanto ve ne anticipo qualche altro brano.

È utile ricordare che "a fine 2011 la società Defkalion Green Technologies (DGT), società greca con sede in Atene, ha ufficialmente dichiarato di possedere una nuova tecnologia a livello preindustriale basata sulla fenomenologia denominata LENR in grado di produrre energia termica nel range dei chilowatt. Nel novembre 2012 una società italiana con sede in Milano e denominata Mose srl ha firmato un contratto di esclusiva europea per lo sviluppo tecnologico industriale di tale tecnologia. Tale contratto prevede il trasferimento tecnologico completo della tecnologia DGT a Defkalion Europe (DE), società italiana (50% DGT e 50% Mose e composta unicamente da membri italiani di Mose) nata allo scopo di sviluppare le applicazioni industriali utilizzando la tecnologia DGT. Nel dicembre 2012 DGT trasferisce la propria sede operativa in Canada a Vancouver e trasferisce i propri laboratori all’interno della University of British Columbia (UBC)."

Considerato che il trasferimento di tecnologia oggetto del contratto, da DGT a DE, non è mai avvenuto e che si è per di più evidenziato che i claims decantati da DGT riguardo tale tecnologia derivavano unicamente da misure male effettuate, anche DE l'estate scorsa ha preso le distanze da DGT, così come aveva fatto Andrea Rossi due anni prima.

"A seguito delle ripetute prove eseguite da DE per validare la calorimetria eseguita da DGT dobbiamo concludere che nella migliore delle ipotesi si è di fronte ad un grossolano errore di misurazione che dura da quasi due anni e che ha tratto in inganno stimati ricercatori che hanno assistito personalmente alle demo in Grecia in Canada e più recentemente anche in Italia della tecnologia DGT. 
DE non è stata messa in condizioni di effettuare test indipendenti sulla tecnologia al di fuori di uno stretto protocollo definito da DGT e tutti i test a cui DE ha assistito, anche nei suoi laboratori, sono sempre stati eseguiti integralmente dai tecnici DGT (John Hadjichristos e Stravos Amaxas). Nei periodi in cui il personale DGT non era presente nella sede di DE qualche componente considerato essenziale per l’ottenimento della reazione veniva rimosso al fine di impedirci di effettuare prove indipendenti. Non essendo questa procedura coerente con gli accordi contrattuali stabiliti, DE ha avuto la necessità di eseguire ugualmente dei test indipendenti sfruttando l’occasione di avere il sistema completo e sicuramente funzionante nei propri laboratori nei giorni a ridosso dello streaming del 23 luglio 2013, i cui risultati sono contenuti nel presente documento.
A seguito dei risultati ottenuti a valle dello streaming del 23 luglio 2013 DE ha richiesto formalmente chiarimenti tecnici atti a dimostrare che i risultati ottenuti potessero essere spiegati senza mettere in dubbio l’esistenza della fenomenologia dichiarata. 
Sul fronte commerciale DE ha immediatamente interrotto/congelato tutte le trattative in essere sia italiane che estere per tutelare i propri clienti.
Nonostante la gravità delle risultanze DE ha deciso di concedere a DGT sedici settimane per fornire inequivocabili prove che la tecnologia DGT fosse immune dalle critiche sollevate da DE e, nonostante continue e costanti sollecitazioni a fornire la documentazione rilevante e/o a ripetere la sperimentazione, non è stata fornita finora alcuna risposta. Di conseguenza DE ha ritenuto opportuno rendere pubblici i risultati ottenuti sulla tecnologia DGT affermando che il protocollo sperimentale proposto da DGT non è attendibile.
A seguito dei risultati sopra esposti si può concludere che il setup di misura nei laboratori di DE a Milano, nella modalità utilizzata dai tecnici DGT per eseguire demo ufficiali a potenziali clienti e lo streaming del 23/7/2013 in occasione di ICCF18, non misura correttamente la potenza termica sviluppata dal reattore R5 e la sovrastima della potenza prodotta risulta compatibile con il non funzionamento della tecnologia stessa
I risultati descritti nel presente documento, che riguardano unicamente le modalità utilizzate da DGT per la misura della potenza termica di uscita, nulla hanno a che vedere con la tecnologia LENR che rimane uno straordinario e serio campo di ricerca."

DOWNLOAD DEL FILE INTEGRALE: 
Intervista di Roberta De Carolis (NextMe) a Franco Cappiello (Mose srl):
Fusione fredda: l'E-cat greco è arrivato al capolinea (15/05/2014)

124 : commenti:

Alessandro Pagnini ha detto...

Finalmente un po' di chiarezza. Ogni tanto io ci provavo a chiedere, rimbalzando però clamorosamente :-)
Un plauso ai tester che hanno smascherato il 'bidone'! :-)

giorjen ha detto...

ciao Daniele
ti posso chiedere se il report che pubblichi è di prima mano? Ti risulta come vero che DE ha fatto un investimento del quale non è rientrata?
g

MISTERO ha detto...

Ciao giojen
Ti risulta come vero che DE ha fatto un investimento del quale non è rientrata?

Si.

Daniele Passerini ha detto...

@giorjen
Hai fatto due domande, e ti rispondo con due si.

Daniele Passerini ha detto...

@MISTERO
Ciao, non avevo visto il tuo commento... bentornato!

giorjen ha detto...

grazie

ps: Mistero rimani! oggi ho sentito che hanno desecretato gli xfiles italiani, recensivano a melog un libro sugli ufo.
g

Riccardo R. ha detto...

Hai fatto due domande, e ti rispondo con due si. Hai fatto due domande, e ti rispondo con due si.
Gamberòn gà ciapà 'ndrio tuti i sghei? (ghe credo poco).
Ah, ora capisco perchè ha vuotato il sacco senza compromettere i due mona sotto NDA.

gio ha detto...

10 mesi per rendere pubblico,il fallimento integrale di un test e penso tempi ancor più brevi per tentare di riportare a casa i propri soldi!!!!!

tempi di reazione normali!!!

invece con rossi!! nada de nada ...chissà come mai!!!:):)

triziocaioedeuterio ha detto...

@gio

Mah...mistero!!!!

gio ha detto...

@ trizio

eh sai , come alcuni sostengono ,:))....... rossi, nei contratti, avrà scritto la clausolina , che è una tecnologia sperimentale e quindi può rimandare tutto quando vuole e sta in una botte di ferro :) anzi no di nickel:)


son proprio tonti quelli di DGT , bastava la clausolina:):) e non li sputtanava e gli faceva causa nessuno!!!

benis67 ha detto...

Spero che dopo questa relazione non si senta più parlare di Defkalion !!
Passando al reattore di Rossi, apettiamo i nuovi report dell'Hot-Cat...e incrociamo le dita!! Purtroppo l'evidente ritardo non fa presagire nulla di positivo :-(

AC/DC ha detto...

Finalmente un po' di chiarezza su questa storia...

Per come la vedo io tutto questo non fa altro che mettere in evidenza come, nonostante verifiche "indipendenti", appoggio di accademici e partner commerciali/tecnici, le cose possono comunque non funzionare come dichiarato.

Questi errori di misura sono stati sgamati, ma quanto tempo ci è voluto? e soprattutto quanto ha inciso l'intervento di alcuni tecnici scettici di nostra conoscenza nel riuscire a scoprire l'inghippo?

Queste sono domande da porsi se si vuole analizzare in maniera oggettiva altre storie simili a questa.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ AC/DC
"..DE non è stata messa in condizioni di effettuare test indipendenti sulla tecnologia al di fuori di uno stretto protocollo definito da DGT e tutti i test a cui DE ha assistito, anche nei suoi laboratori, sono sempre stati eseguiti integralmente dai tecnici DGT (John Hadjichristos e Stravos Amaxas) ..."

Per confrontare con Rossi, ad esempio:

1) IH ha effettuato prove anche con propri esperti PRIMA dell'acquisto
2) IH sta già producendo gli E-CAT per proprio conto, quindi non ci sono più segreti, o è coinvolta nella truffa, o non so cosa pensare (incapacità al cubo nelle misure, forse)
3) E' già stato eseguito un primo report a setup libero e condotto da terzi, con strumentazione loro, con risultato positivo.
4) E' stato pianificato un secondo lungo test, in condizioni molto più probanti di quelle del primo, con risultato al momento sconosciuto.

Forse DGT potrebbe eventualmente essere confrontata con altri protagonisti della new energy, ma direi che Rossi è decisamente un'altra cosa, almeno come passaggio sotto la lente di ingrandimento. Poi se il risultato sarà positivo, o negativo, ancora è da vedersi. Posso solo sperare e pensare che sarà positivo, in base a delle mie valutazioni, ma un'opinione non è una verità.

@ benis
"..Purtroppo l'evidente ritardo non fa presagire nulla di positivo :-( ..."

Nessun ritardo, che mi risulti, tranquillo :-)
Il test ha avuto la durata prevista e pare si sia pure svolto senza incidenti. Credo che quello precedente avesse lo scopo di convincere alcuni che era il caso di organizzare qualcosa di realmente a prova di bomba (o quasi) ed è quello che mi pare abbiano cercato di fare. Stavolta, se ci saranno evidenze di overunity, le condizioni sono quelle per fare un annuncio storico e penso che vogliano ben prepararsi a sostenere l'impatto di qualcosa del genere. Incrociamo, sì sì, incrociamo ben bene le dita! :-)

Simplicio ha detto...

A tutti coloro che si sentono appagati dalla capacità transitiva, un motore non funziona,quindi nessun motore funziona, consiglio di contattare Tom Darden di IH e e il board del Cherokee group per un appuntamento. Nel remoto caso riuscite ad avere un incontro, potreste dati alla mano, spiegare che hanno preso una preso una grandiosa cantonata e rischiano di compromettere le relazione cinoamericane, per truffa indotta. Magari se la cosa vi riesce, con il ricavato potete acquistare qualche appartamento a Miami e avere Rossi come vicino. In fondo è molto semplice, a lui è riuscito facile.

piero41 ha detto...

OT- ci riprovano, Da Cobraf. Nuova interrogazione parlamentare al senato firmata dai senatori De Pietro, Serra, Girotto e Blundo del M5S. Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-0219 Pubblicato il 14 maggio 2014, nella seduta n. 246

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=765826

Shine ha detto...

@Pagnini
"Forse DGT potrebbe eventualmente essere confrontata con altri protagonisti della new energy, ma direi che Rossi è decisamente un'altra cosa"

dici? A me su due piedi sembrano due storie MOLTO simili, che hanno addirittura la stessa radice.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Shine
Il virgolettato che ho riportato mi sembra faccia la differenza. Da una parte i test li fanmno loro, con un loro setup e poi smontano tutto e lo portano via. Di là il 'segreto' è venduto, compreso e replicato, poi sottoposto a verifiche con setup e strumenti liberi, prima a casa di IH, poi in un laboratori (pare in Svezia) comunicato alcuni giorni prima.
Certo di notte tutti i gatti son bigi e se a te sembrano la stessa cosa, va benissimo. Mi viene il sospetto, maligno, che la stessa procedura ti convincerebbe se fosse una cosa in cui già istintivamente credi, mentre trattandosi di cosa che già etichetti come patacca, potrebbe venirti sotto casa anche Obama a cercare di convincerti con report della Nasa e della CIA (quella ci sta sempre bene ;-) ) e non ci sarebbe niente da fare. Ma forse sono troppo maligno? Se per caso il report fosse positivo, abbiamo capito che secondo te potrebbe comunque essere solo un'altra fregatura tipo DGT, ma allora cosa potrebbe convincerti? Esiste qualcosa o è no in ogni caso?

triziocaioedeuterio ha detto...

Il gatto in casa che scotta e che produce acqua calda sanitaria energia elettrica in auto sostentamento e pepite d'oro a richiesta...allora forse i patoskeps alla sciain si convincerebbero;)

Simplicio ha detto...

"Il gatto in casa che scotta e che produce acqua calda sanitaria energia elettrica in auto sostentamento e pepite d'oro a richiesta...allora forse i patoskeps alla sciain si convincerebbero;)"

Illuso, dovrai attendere molto prima di vedere gattocaldaie e consumer device, questi prima estraggono il sangue dalle rape. Guadagnano senza vendere nulla, pensa un pò come funziona il mondo

tia_ ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Shine ha detto...

@tia

il mio discorso era più terra-terra del tuo. Semplicemente osservo che entrambi i sistemi si basano sulla stessa presunta reazione Ni-H. Che entrambi i sistemi hanno conosciuto una larga diffusione in seguito a test discutibili e clamore di rete. Che entrambi i sistemi promettono qualcosa che ancora non esiste, facendo leva sull'ignoranza tecnica delle persone (reazioni nucleari catalizzabili, gamma termalizzanti, radiofrequenze esoteriche e via dicendo)

tia_ ha detto...

>A me su due piedi sembrano due storie MOLTO simili, che hanno addirittura la stessa radice.

La differenza c'è, Rossi non l'ha mica invitato chi ha fatto il test presso defkalion.
A parte l'incredibile capacità di Rossi di circondarsi di truffatori (dai licenziatari ai partner), questa vicenda sbugiarda i luoghi comuni sempre enunciati in questo blog.
Riporto il mio commento:
>truffa Defkalion

Ma come truffa?
Ma figuriamoci, spendono un milione di dollari e non fanno un test indipendente prima di acquisire la licenza?
Dopo tutto l'interessamento di National Instruments, li hanno pure ospitati al NI week!
E poi la demo di luglio era coerente no?
Vettore ha detto: Sono d'accordo con Peter, a me la dimostrazione è sembrata molto coerente e chiara. Ovviamente però prendere per buoni i numeri che erano sullo schermo richiede una buona dose di fiducia...
(non sottiliziamo sul fatto che stando ai numeri che erano sullo schermo doveva uscire piu vapore che da un treno a vapore, nota di tia)

@gio
>son proprio tonti quelli di DGT , bastava la clausolina:):) e non li sputtanava e gli faceva causa nessuno!!!

Non hai capito nulla del discorso, come mi aspettavo

gio ha detto...

tia , ci provo , è dura con te ,ma ci provo .........:)

la cosa mi diverte...........sai , mi hai fatto fare un salto indietro di una quindicina d'anni , quando mi era stato chiesto di aiutare per l'esame di stato alcuni neolaureati.

allora la storia finì bene:)

Mauro elia ha detto...

Esistono nel mondo alcuni poteri che sono forti, fortissimi, i quali possono permettersi di sprecare anche decine di milioni di dollari pur di ottenere il loro obiettivo.
Se l’obbiettivo fosse quello di affossare davanti a tutti e per sempre la teconologia di Rossi, basterebbe quindi comunicare al mondo che il test di lunga durata hot cat è stato un fallimento, anche se al contrario ha dato esiti molto positivi. Quindi dato che credo in Rossi, se i risultati del test saranno negativi penserò al complotto!

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Robbins ha detto...

@Mario Massa

A chiarimento di una sua domanda, cito:

"Caro Camillo
Riscrivere la storia a tuo piacimento e’ un tuo diritto.
Ma non attribuirmi atteggiamenti o idee che non ho mai avuto e che non sono nel mio stile di vita.

Perché’ non sono disposto ad essere manipolato e/o a veder manipolate le mie idee nella tua personale battaglia contro Celani.

Me lo devi per quel che gli essere umani chiamano cortesia."

Il Federale del partito nazionale, seguito dai nipotini filo-ariani, interpreta sé stesso, ma patisce precisazioni piccate da parte di ex-amici.

Mi viene fatto notare come questo suo procedere, insieme agli argomenti calorimetrici-razziali, piaccia molto. Ne ero certo.

tia_ ha detto...

>A parte l'incredibile capacità di Rossi di circondarsi di truffatori (dai licenziatari ai partner)

Naturalmente non parlo di tutti i licenziatari

bertoldo ha detto...

http://punto-informatico.it/4048255/PI/News/datagate-prima-gallina-che-canta.aspx i trojan hardware zionist di qualche tempo fà ...

bertoldo ha detto...

erano le mitiche cpu sioniste ...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ tia_
">A parte l'incredibile capacità di Rossi di circondarsi di truffatori (dai licenziatari ai partner) "

Quindi truffatori sono il partner e qualche licenziatario (non tutti)?
Madonna mia, a volte mi sconcerti con le tue sicurezze! Non credi a Rossi e va bene, hai tutto il diritto, ci mancherebbe, ma dare così del truffatore alla gente, come fosse Vangelo, io non so da dove ti venga l'ispirazione per farlo. Nella tua battaglia contro Rossi, devo riconoscere che sei un irriducibile! :-)
E va be', di lì non ti si smuove :-)
Piuttosto hai seguito la vicenda di Guglinski? Visto dove è andato a parare?

tia_ ha detto...

>Quindi truffatori sono il partner

Defkalion era il partner di rossi. Daniele stesso gli ha dato dei truffatori. Vedi tu.

>e qualche licenziatario (non tutti)?

Se un licenziatario vende motori magnetici overunity non è una truffa?

>Madonna mia, a volte mi sconcerti con le tue sicurezze!

A volte mi sconcerti con le tue amnesie selettive e col fatto di ignorare sistematicamente certi fatti.

>Piuttosto hai seguito la vicenda di Guglinski? Visto dove è andato a parare?

No

gio ha detto...

eccolo di nuovo il nostro" immobiliarista":
http://www.ironoakinnovations.com/testimonials.html

oggettino pertinente:

http://www.ironoakinnovations.com/
We are a strategy consulting firm that helps investors, corporations, and the US military create and invest in opportunities related to energy, the environment and sustainability. We grow good ideas through advisory services, executive education, new product development and keynote speaking.

c'è il suo socio storico nel board:

http://www.ironoakinnovations.com/advisory-board.html

e tra i collaboratori Pogens inc. di cui si è già parlato, acquisita da GE;

http://www.ironoakinnovations.com/collaborators.html

Alessandro Pagnini ha detto...

@ tia_

"Defkalion era il partner di rossi. Daniele stesso gli ha dato dei truffatori. Vedi tu. "

Anche IH è un partner, anzi il BIG partner e quindi? Nemmeno tutti i partner sono truffatori, allora, oppure sì? Ah già, dimenticavo che il big partner non esiste! ;-)


"Se un licenziatario vende motori magnetici overunity non è una truffa?"

Non saprei, personalmente non ci credo e non ci ho mai creduto, ma..... vedi sotto:

" Piuttosto hai seguito la vicenda di Guglinski? Visto dove è andato a parare?

No "

Ai motori magnetici overunity ! :-D



" A volte mi sconcerti con le tue amnesie selettive e col fatto di ignorare sistematicamente certi fatti. "

In effetti tendo a scordarmi delle cose, specialmente negli ultimi anni. Ma non sono neanche tanto selettivo, a dire il vero, sono proprio smemorato e basta. Un po' l'età, un po' (parecchio) lo stress... :-)


Via, è l'ora del meritato riposo. Buonanotte a tutti :-)

tia_ ha detto...

>Anche IH è un partner, anzi il BIG partner e quindi? Nemmeno tutti i partner sono truffatori, allora, oppure sì?

Sei capace di capire l'italiano? Ho scritto A parte l'incredibile capacità di Rossi di circondarsi di truffatori in base ai *fatti* sopra esposti, cosa c'è che non ti torna?
Oppure adesso me lo sono inventato io con le mie "sicurezze" (che guardacaso coincidono pure coi fatti) che intorno a rossi ci sono (o ci sono stati) dei truffatori?

>Ah già, dimenticavo che il big partner non esiste! ;-)

Che simpatico. Se dovessi elencare tutte le sparate fatte da seducenti esperti & co riempirei intere pagine :)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ tia_

Scusami, sono stato provocatorio. Non mi fa onore.

Però il tuo concetto era questo:

">A parte l'incredibile capacità di Rossi di circondarsi di truffatori (dai licenziatari ai partner)

Naturalmente non parlo di tutti i licenziatari "

Mi veniva il sospetto che tu intendessi salvare solo qualche licenziatario visto che lo hai specificato, ma nessun partner, il che avrebbe incluso anche IH.

Vabbe' ....lasciamo fare. Mio limite!


carloluna ha detto...

Ultimamente frequento poco il forum. Spero che il rapporto sia positivo.
Spero che il dispositivo diventi presto operativo e che renda obsolete centrali idroelettriche e nucleari.
http://legambiente.qdp.it/no-diga-falze-di-piave/

Sapete cos'è la psammurgia?

Olympiodore l'Alchimiste signale l'importance de l'alchimie en Égypte :

"Tout le royaume d'Égypte s'est maintenu par cet art. Il n'était permis qu'aux prêtres de s'y livrer. La physique psammurgique [relative au travail mécanique de la réduction des roches noires contenant le QUARTZ blanc aurifère en sables] était l'occupation des rois. Tout prêtre ou savant qui aurait osé propager les écrits des Anciens était mis hors la loi. Il possédait la richesse mais il ne la communiquait pas. C'était une loi chez les Égyptiens de ne rien publier à ce sujet. (...) Sachez maintenant, amis qui cultivez l'art de faire de l'or, qu'il faut préparer les sables suivant les règles de l'art... Les Anciens donnent le nom de sables aux sept métaux, parce qu'ils proviennent de la terre des minerais, et qu'ils sont utiles."

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Carloluna

Hai una traduzione o si deve ricorrere al traduttore di google, con tutti i suoi limiti?

Paul ha detto...

Dal sito di Defkalion:

NEW ANNOUNCEMENT
SUBJECT: MATS LEWAN & LUCAS GAMBERALE REPORTS "DEFKALION DEMO PROVEN NOT TO BE RELIABLE".
DEFKALION HAS EVALUATED THE SITUATION, TRYING TO UNDERSTAND THE POSSIBLE HIDDEN INTERESTS AND AGENDAS BEHIND SUCH REPORTS AND INTERVIEWS, THAT ONLY SHOW PARTIALLY AND SELECTAVLY OUR POSITION.

DEFKALION WILL CONTINUE "BUSINESS AS USUAL" AS A PRIVATE COMPANY REPRESENTING ONLY ITS OWN INTEREST AND THE INTEREST OF THE PUBLIC ACCORDING TO OUR VISION.

AleD ha detto...

@carloluna:
"
Spero che il dispositivo diventi presto operativo e che renda obsolete centrali idroelettriche e nucleari.
"
:-???? E perché non gas e carbone? E magari pure biomassa.

Alessandro Pagnini ha detto...

" DEFKALION WILL CONTINUE "BUSINESS AS USUAL" AS A PRIVATE COMPANY REPRESENTING ONLY ITS OWN INTEREST AND THE INTEREST OF THE PUBLIC ACCORDING TO OUR VISION. "

E pensano davvero che qualcuno gli vada dietro, adesso?
Mah...!!!

gio ha detto...

una nuova" prospettazione" mi ha fatto tornare in mente un vecchio post di daniele:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/05/13/expo-sogin-e-le-tentazioni-del-nucleare/983161/

Dalle carte dell’inchiesta sugli appalti di Expo 2015 emerge l’interesse rivolto dalla “cupola” Frigerio-Greganti-Grillo verso la Sogin, società di Stato partecipata al 100% dal Ministero del Tesoro e incaricata della realizzazione del deposito nazionale definitivo dei rifiuti radioattivi e dello smantellamento degli impianti nucleari dismessi. Le indagini scoprono purtroppo tutta la permeabilità del settore ad azioni di corruzione, tanto abituali nel campo delle grandi opere................La Sogin ha finora svolto attività volte alla realizzazione e ristrutturazione di alcuni depositi temporanei di rifiuti radioattivi e alla demolizione di vecchi fabbricati. Ma le dimensioni finanziarie complessive racchiuse nella sua “missione” vanno da 3 a 5 miliardi di euro.

il vecchio post di daniele:

http://22passi.blogspot.it/2012/01/chi-lo-ha-detto-che-camillo.html


Silvio Caggia ha detto...

Come stara' il ragazzo della via Gluck? Immagino pieno di rancore per chi gli ha rubato un sogno...
Eppure la risposta di questi signori alla domanda giusta era stata eloquente...
Non aspettatevi che mollino comunque, anche il rottame ha il suo valore, anche senza gasolina... Aspetteranno che apra un rifornitore, con la tanica in mano...

Gabriele Soranzo ha detto...

Ciao Alessandro,

"E pensano davvero che qualcuno gli vada dietro, adesso?"

Mi sbilancio,

con un commento non proprio lusinghiero (dal mio punto di vista, of course) per parecchi partecipanti qui.

Sì, penso che troveranno.

Alla fine è tutta una questione di testa,

e la testa degli uomini, chi più chi meno,

è particolarmente propensa ad ascoltare, seguire, difendere chi dice non il giusto,

ma chi dice quello che vogliamo sentirci dire.

E chi vuole sentirsi dire "abbiamo l'energia pulita del futuro" darà sempre ascolto a chi gli dice "abbiamo l'energia pulita del futuro".

Siamo fatti così,

if x==x then 'OK'!

Ciao,

gabriele

Alessandro Pagnini ha detto...

@ gabriele soranzo

Hai ragione. Siamo fatti per credere nei sogni. E' la nostra debolezza, perchè talvolta ci si lascia prendere la mano, ma è anche la nostra grande qualità, perchè ci spinge a osare e talvolta riuscire. Senza questa spinta non saremmo ciò che siamo, il che non è detto che sarebbe peggio, ma se vogliamo sentirci fieri di essere 'la razza umana', allora questo aspetto dobbiamo accoglierlo con orgoglio. Il problema è temperarlo con una certa dose di ragionevolezza. Ovviamente sono d'accordo con te, che molti saranno disposti a credere a tutto quello che gli diranno, così come molti non crederanno mai a quello che gli hanno insegnato a non credere, neppure se gli si palesasse davanti. Ci vuole mente aperta, ma, e forse lo dico perchè qui abbiamo avuto l'opportunità di informazioni più 'dirette', mettersi nelle mani di quegli ellenici figuri, che hanno ormai confermato quello che Rossi e Stremmenos sotenevano da sempre, non sarebbe più avere mente aperta, ma esporre il deretano alla finestra ;-)

carloluna ha detto...

@alessandro panini

mia libera traduzione
Tutto il regno d'Egitto ha prosperato grazie a questa arte. Era permesso solo ai sacerdoti (di Iside) di occuparsene. La fisica psammurgica relativa al lavoro meccanico di frantumazione (per ottenerne la sabbia)delle rocce nere contenenti quarzo bianco aurifero, era sotto il controllo dei faraoni. Sacerdote o studioso che avesse osato propagare gli scritti degli antichi diveniva un fuori legge.
Esisteva una legge relativa alla non divulgazione di questi segreti. Cercate ora amici che coltivate l'arte delle lenr che cosa occorre per preparare le sabbie seguendo le regole dell'arte. Gli antichi davano il nome di sabbia ai sette metalli perché essi provenivano dalla terra dei minerali.

quercia=quarzo=cristalli piezoelettrici

@Aled
ovviamente tutte le centrali inquinanti però in questo momento c'è una battaglia in corso contro una diga criminale che coprirebbe un parco meraviglioso; il parco delle fontane bianche(oltre ai luoghi della battaglia del solstizio)

http://legambiente.qdp.it/luoghi/fontane-bianche-sernaglia/
http://legambiente.qdp.it/no-diga-falze-di-piave/

visitate e sostenete

porfirio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
porfirio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Ho aggiunto al post il link all'intervista che Roberta De Carolis (NextMe) ha fatto a Franco Cappiello (Mose srl). Ringrazio con l'occasione Franco di avere offerto anche a me la possibilità di intervistarlo, purtroppo in questo periodo mi mancano essenzialmente due cose (i proverbiali tempo e denaro!) perciò tutto quello che sono riuscito a fare è pubblicare il post su cui stiamo commentando, col quale ho reso fruibile a tutti il report di Luca Gamberale. Sono d'accordo con quasi tutto quello che dice Franco nell'intervista: a differenza sua non condivido il sospetto che possa esserci qualche analogia tra comportamento di Defkalion e comportamento di Rossi. Anzi, a mio parere proprio il confronto tra la storia dell'E-Cat e quella del tentativo di "copia" da parte di Defkalion, mostra differenze assai significative, tali da confermare ampiamente le analisi di chi continua ad avere fiducia in Rossi.
http://www.nextme.it/scienza/energia/7700-fusione-fredda-intervista-cappiello-defkalion-europe

Daniele Passerini ha detto...

@gio
una nuova" prospettazione" mi ha fatto tornare in mente un vecchio post di daniele:
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/05/13/expo-sogin-e-le-tentazioni-del-nucleare/983161/
Dalle carte dell’inchiesta sugli appalti di Expo 2015 emerge...

il vecchio post di daniele:
http://22passi.blogspot.it/2012/01/chi-lo-ha-detto-che-camillo.html


Accipicchia che memoria gio!
Ah, ne hanno da venire fuori di altarini, e finirà il tempo delle oche giulive e delle quinte colonne nucleariste in Italia.

gio ha detto...

@ daniele

sai, non ho una gran memoria.......ma ho un buon olfatto ,che è migliorato con l'esperienza.....ma tanto .....e certi olezzi li riconosco da molto lontano......e mi portano a fare collegamenti mentali in automatico......

.... quando qualcuno si scaglia in crociata, contro lo spreco di denaro pubblico, che fanno altri, ammesso che sia tale ............ e poi a ben guardare si tratta di pochi denari.......e di questo ne fa una ragione morale , a difesa del bene superiore : la scienza , la ricerca , l'università etc,etc...

non la senti anche tu fin lì la puzza!!!!?????

AleD ha detto...

@carloluna: è incredibile come nuovi progetti vengano sempre fatti in posti che sono ritenuti non adatti da chi ci vive vero?
NIMBY dilagante come sempre in italia.
Ricordati che il veneto importa la metà dell'energia elettrica che gli serve: META'.
Ora, il primo che si mette a scrivere di pannellare e pallettare il territorio gli mando una fattura ad effetto istantaneo perchè è ora di dire basta alle fesserie propinate come alternative.
Oppure, ancora meglio, tutti quelli che vogliono pannellare e pallettare il territorio che lo facciano ma per ogni pannello e pala si stacchino dalla rete elettrica, perché o fanno così oppure devono stare zitti. Perché a perculare la gente c'è anche un limite che sarebbe stato anche oltrepassato.

gio ha detto...

@ daniele
> Ringrazio con l'occasione Franco di avere offerto anche a me la possibilità di intervistarlo, purtroppo in questo periodo mi mancano essenzialmente due cose (i proverbiali tempo e denaro!) perciò tutto quello che sono riuscito a fare è pubblicare il post su cui stiamo commentando, col quale ho reso fruibile a tutti il report di Luca Gamberale.


casomai riuscissi ad intervistarlo, prova a domandargli se può specificare per sommi capi la natura degli accordi sottoscritti con DGT...............................................questo può aiutare a capire un sacco di cose della vicenda.

perchè come diceva forse l'unico degno del titolo di professore, io che abbia mai avuto come studente diceva" se è vero che ex facto oritur ius, a volte si può fare il percorso inverso dal diritto si può risalire al fatto"!!!

mario massa ha detto...

@Daniele Passerini
"a differenza sua [Franco Cappiello] non condivido il sospetto che possa esserci qualche analogia tra comportamento di Defkalion e comportamento di Rossi."

Ognuno ha le sue opinioni, ma mettiti nei panni di un ingegnere e un fisico che dopo 2 anni si accorgono di essere stati imbrogliati con un trucco tecnico: non penseresti anche tu:"se questi hanno imbrogliato noi, anche Rossi può avere imbrogliato altri tecnici"?

Il famigerato Ascoli65 a maggio dell'anno scorso scriveva da Camillo:
"Per di più, viene chiesto al dott. Levi di rendere conto di aspetti che esulano da quelle che sono le sue competenze e, direi, anche i suoi obblighi di verificatore. Infatti le fattispecie di irregolarità che vengono ipotizzate in questi giorni sono tra le più capziose che si possano concepire (alimentazione DC sovrapposta alla AC, fili nascosti in altri conduttori, circuiteria magica nell’alimentatore, e così via). Non è possibile che un fisico, per quanto preparato, possa avere le conoscenze necessarie per entrare in dettagli così minuti da richiedere la competenza di un ingegnere elettrotecnico."

Certo nel caso Rossi i "verificatori" sono stati tanti (anche nel caso Defkalion non sono stati pochi), ma come dimenticare una maglietta sventolata davanti a un vapore inesistente o la candita confessione di Focardi di non aver mai visto il vapore o l'altrettanto candida confessione di Kullander di non avere alcuna dimestichezza con esso?

gio ha detto...

@ mario massa

scusa se mi intrometto , nella tua domanda a daniele, ma è un modo per sottolineare ancora una volta , la differenza tra rossi e tutti gli altri che appare già marcata dalle sommarie descrizioni dei protagonisiti!

mi soffermo chairamento sull'aspetto legale della questione , di cui sono artigiano; questa è la descrizione degli accordi tra DGT e DE:

" Nel novembre 2012 una società italiana con sede in Milano e denominata Mose srl ha firmato un contratto di esclusiva europea per lo sviluppo tecnologico industriale di tale tecnologia. Tale contratto prevede il trasferimento tecnologico completo della tecnologia DGT a Defkalion Europe (DE), società italiana (50% DGT e 50% Mose e composta unicamente da membri italiani di Mose) nata allo scopo di sviluppare le applicazioni industriali utilizzando la tecnologia DGT."

bene si parla di un" contratto di sviluppo tecnologico"; è difficile dire di più con queste poche informazioni, ma se questo attiene alla categoria dei contratti di ricerca e sviluppo, non possiamo parlare di un obbligazione di risultato ma di un obbligazione di mezzi!!

questo mette DGT in una posizione di riparo legale da diversi tipi di guai !......è un contratto di ricerca e sviluppo , non di " trovato e funzionante"!

rossi vende un prodotto che ha un cop 6!!!!!

è tutta un altra storia!!!!!!!!

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario Massa

Sono d'accordo con te che la possibilità di un....errore(?), magari c'è ancora, anche nel caso di Rossi. Penso sia per dissipare questi dubbi che si sono organizzati i TPR, di cui il primo a quanto pare di 'assaggio' e il secondo dovrebbe essere molto più solido, probabilmente probante, in caso positivo.
Penso che, anche se niente vieta di continuare a ripetere le solite cose, perchè alla fine ci si passa anche il tempo in compagnia degli amici del blog, la cosa che sarà importante considerare, alla fin fina, è il risultato del TPR in corso.

Ho già espresso le mie considerazioni sulle notevoli differenze tra i due casi, secondo il mio punto di vista (nei primissimi interventi di questa discussione), ma ovviamente io gli do un peso e tu uno diverso. E' il bello dell'avere ognuno il proprio punto di vista :-)
L'importante è il reciproco rispetto e magari anche non scadere nelle prese di posizione estreme e dogmatiche (per il SI o NO che sia)
Alla fine la verità verrà fuori. La strada di IH è legata a questo, perchè non mi pare stia cercando di turlupinare qualche disgraziatello, ma di intavolare affari che non permettono sotterfugi e che richiedono garanzie, quelle che hanno capito benissimo (più di come aveva invece ipotizzato di poter fare Rossi, che pensava probabilmente di seguire strade diverse) di dover fornire, anche a costo di consegnare ad un laboratorio svedese 3 termogatti, che sono stati utilizzati per una maratona di 6 mesi. Certo ancora non si sa il risultato, ma almeno si capisce che non vogliono giocare a nascondino, ma a carte ben scoperte e verificate. Quali siano, ancora non lo sappiamo, si sa soltanto che la mano verrà vista.

AleD ha detto...

@gio:
"rossi vende un prodotto che ha un cop 6!!!!!"
Io direi che rossi non sta vendendo proprio nulla, per me è ancora ben impelagato nel cercare di far funzionare quel che ha in mano oggi, ammesso che riesca a farlo funzionare per applicarlo sul serio a qualche processo industriale.
Saputo più niente dell'impianto di prova che doveva partire e a cui sarebbero stati invitati spettatori "selezionati", roba dell'anno scorso mi par di ricordare, forse 2012. Intendo negli USA, lasciamo proprio perdere i clienti piloti millantati qui da noi...

gio ha detto...

@ aled

e no...... rossi vende....così c'è scritto sul cartello web dei suoi licenziari......c'è scritto si vende ad 1,5mln ad un cop 6!!!

semmai puoi dire che non ha venduto nulla ancora.....la prova non c'è, dici tu........... ma lui vende!!!!!!!!!

e questa è una gran bella differenza !!!!

mario massa ha detto...

@gio
"questo mette DGT in una posizione di riparo legale"

Di solito discuto solo di aspetti tecnici, ma in attesa di questo famoso report divago anch'io.

Io spero di no: DGT ha truffato Moser: non puoi dire che hai un oggetto in sviluppo e imbrogliare per far credere che funzioni quando sai che non è vero. Secondo quanto dice Luca Gamberale occorreva la volontà di agire in modo differente sui regolatori di flusso per ottenere (con idrogeno) o non ottenere (con argon) l'indicazione di calore in eccesso (che non c'era in nessun caso).

E' possibile che DGT sostenga che è stato un errore (e in tal caso ciò che dici sarebbe corretto) e magari controquereli Moser per diffamazione. In questo caso tutto andrebbe in mano a un giudice (forse lo è già) che come si sa di problematiche tecniche non ne capisce nulla e che nominerà un perito del tribunale che dovrà vedersela con i periti di parte e buonanotte, chissà se vivrò abbastanza per vedere come va a finire.
Comunque se ha ragione Luca (e ne sono assolutamente certo) questo a casa mia si chiama truffa e spero che Cappiello e Gamberale riescano a rientrare del capitale che hanno investito (forse in maniera un po' avventata, se mi consentite dirlo).

Penso che anche Rossi imbrogli, ma, più furbamente, si è ben guardato dall'eseguire test comparativi che lo avrebbero costretto a un imbroglio identificabile come nel caso Defkalion: si è limitato ad eseguire test nei quali c'era sempre una incognita nascosta (vapore o acqua? Sonda troppo vicina o no? Portata vera o errore di lettura? Valore medio o efficace?). L'unico test nel quale si sarebbe dovuto sbilanciare in un trucco identificabile con certezza come tale e non come errore è stato quello nel quale ho dovuto supporre l'iniezione di una DC (e persino Ascoli65 mi ha detto del pazzo) perchè, contrariamente a tutti i test precedenti, non sono riuscito a trovare un possibile "errore" più semplice. Il mio pensiero rimane comunque che per quanto strampalato sia un trucco, esso, se tecnicamente possibile, è sempre più probabile di una scoperta epocale.

carloluna ha detto...

@Aled
Ce l'hai con i pannelli fotovoltaici sopra i tetti degli edifici? Oppure sei contro la non inquinante tecnologia della pirolisi che aiuterebbe l'Italia a superare l'inverno prossimo senza il gas russo?Oppure non vuoi che la tecnologia di Rossi se funzionante possa servire anche per la difesa e il ripristino ambientale? Hai interessi diretti o indiretti nella lobby della cementificazione territoriale? Su un punto sono d'accordo: no ai parchi eolici.
Quell'ansa del Piave rappresenta un patrimonio storico naturalistico di interesse nazionale. Il cortile di casa mia si trova a 30 km di distanza.
Caro trollo, la prossima volta ti lancio un anatema.

tia_ ha detto...

Rossi ha venduto licenze di vendita, punto. Gia si sa per certo che su quelle licenze c'è scritto che Rossi si riserva il diritto di rifitare qualsiasi ordine non gli aggradi (http://22passi.blogspot.it/2013/05/precisazione-di-prometeon-srl-in-merito.html), quindi de facto può rifiutare qualsiasi ordine.
Il fatto che abbia o meno un prodotto da vendere diventa irrelevante visto quello scritto prima, inoltre se è stato un minimo furbo alla firma del contratto con il licenziatario c'è scritto che il licenziatario ha verificato le performance dell'e-cat in prova.
Sono cose che dico da 3 anni a questa parte.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario Massa
ò tia_

Non resta che sperare che abbiate torto. Non perchè ce l'ho con voi, anzi vi auguro di avere ragione su mille altre cose, ma questa, lo capite da voi, sarebbe bene per tutti che costituisse un'eccezione.

Mir Amar ha detto...

Scusate, ma questa storia della DC non era stata esclusa dalle terze parti?

Mir Amar ha detto...

Ma vedo adesso che anche Rossi dice di no, quindi avevo capito male. Quanto è seria la cosa?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mir Amar
A livello ipotetico è tecnicamente possibile. Tenuto conto che Rossi NON sapeva se avrebbero attaccato un oscilloscopio per controllare, direi che è un'ipotesi assai remota. Avrebbe scommesso tutto fidando sul fatto che non gli sarebbe venuto in mente di vedere se c'era una CC. Io lo ritengo al limite dell'inverosimile, ma non escludibile al 100%. Magari a Rossi piace il gioco d'azzardo è ha tentato la mano della vita, vincendola. Tuttavia il nuovo TPR tiene conto anche di questo, però non sappiamo ancora con quale risultato.

Mir Amar ha detto...

Scusate, ho controllato perché non ero sicura, ma a pag 30 del Report di Levi e altri su Arxiv ( http://arxiv.org/ftp/arxiv/papers/1305/1305.3913.pdf ) si parla esplicitamente di assenza di altre correnti. Perché Rossi dice che non era stato verificato?

mario massa ha detto...

@Alessandro Pagnini
"Non resta che sperare che abbiate torto"
Alessandro lo abbiamo detto mille volte anche noi (io, Franco, Giancarlo, Tia e qualunque scettico di buon senso) che saremmo felici di avere torto.

mario massa ha detto...

@Mir Amar
" a pag 30 del Report di Levi e altri su Arxiv si parla esplicitamente di assenza di altre correnti."

Il problema è che lo strumento utilizzato (PCE 830) a detta del costruttore e di Antonio (che scrive qui su 22passi) che lo possiede, non è in grado di misurare nè di visualizzare tensioni o correnti continue. Se ciò è vero non si capisce come faccia Levi nel report a fare una simile affermazione (ovviamente non si può dire che la componente DC era presente, ma non si può nemmeno escludere).
Se inoltre ciò è vero, occorrerebbe chiedersi come mai tra tanti strumenti ne è stato adottato uno che, contrariamente a quasi tutti gli altri in commercio, ha questa caratteristica.

Hermano Tobia ha detto...

@Daniele
finirà il tempo delle oche giulive

Sembra che l’incorreggibile sparabufale seriale abbia deciso di battere tutti i record. Pensavo che avesse dato il massimo con una impressionante sequenza di perle sul blog di Franchini, dove in pochissime righe riesce a dimostrare che:

- le sono del tutto sconosciuti i principi basilari della termodinamica (1,2)
- energia, potenza kW e Joule sono per lei la stessa cosa (1)
- trova strano che Rossi non si finanzi vendendo energia elettrica anche se Rossi ha ripetuto più volte che non è ancora in grado di ricavarla dall’ecat (2)
- pensa che le misure elettriche si facciano con “il software delle power swapper” e non con wattmetri od oscilloscopi (2)

Evidentemente la sottovalutavo. In un intervento in risposta all’interrogazione M5S (3), ha superato se stessa. In ordine sparso:

- iniziamo col botto: il rilevamento di 75W di potenza in eccesso (per un mese) e di un COP 1,9 “sta comodamente entro il margine dei consueti errori di misura”. Mi sembra una logica conseguenza delle premesse elencate in precedenza

- chiunque con le competenze tecniche della scuola media avrebbe smesso di leggere, ma si sarebbe perso ulteriori chicche: secondo la nostra esperta la Toyota non ha mai riprodotto i risultati di Iwamura. Se avesse letto (e capito) il lavoro che lei stessa ha citato, forse si sarebbe resa conto che gli autori stessi confermano che l’esperimento è stato replicato (anche se su scala minore), ed hanno pubblicato il tutto su una rivista peer-review (4):

These findings suggest that the observed increase in Pr with deuterium permeation can be attributed to a nuclear origin, as reported by Iwamura and coworkers

- sempre sul tema, dall’alto di un livello di conoscenza del mondo brevettuale pari a quello sui principi della termodinamica, decide che questo brevetto di MHT (5) è farlocco (senza darne ovviamente la benchè minima motivazione), nonostante la replica di Toyota ed il fatto che MHT (una delle maggiori industrie giapponesi) ne abbia appena annunciato la prossima industrializzazione (6)

- ritiene che 11,2 mln di USD (denaro privato raccolto in una delle operazioni di finanziamento di Industrial Heat) siano “pochi spiccioli”: ha ragione, se sono confrontati con le decine di miliardi di soldi pubblici buttati nel pozzo senza fondo di ITER, progetto che ocasapiens ha sempre difeso a spada tratta

- sostiene che gli esperimenti cosiddetti FF non siano mai stati replicati; con ogni probabilità non conosce (ad esempio) i risultati ottenuti dall’ENEA attraverso la tecnica della “riproducibilità trasferita” (7)

Che dire, se non che ocasapiens stessa aveva candidamente ammesso che lei di questi argomenti non ci capisce nulla (8) ?

Qualcuno dei babbonatalisti che frequenta il suo blog suggerisce di proporre al ministero il post in questione come “ottimo punto di partenza per una risposta inequivocabile e definitiva a tutte le interrogazioni parlamentari sulla fusione fredda”.

Io invece avrei una proposta migliore: perchè non proporlo ai dirigenti di Repubblica, chiedendo loro se hanno contezza del livello "zero Kelvin" di giornalismo scientifico a cui si è ridotto un blog che porta il logo del loro giornale.


(1) http://fusionefredda.wordpress.com/2014/04/22/1859/#comment-38426
(2) http://fusionefredda.wordpress.com/2014/04/22/1859/#comment-38488
(3) http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2014/05/16/comment/
(4) http://iopscience.iop.org/1347-4065/52/10R/107301
(5) http://www.google.com/patents/EP1202290B1?cl=en
(6) http://www.nikkei.com/article/DGXNASDZ040JJ_X00C14A4000000/
(7) http://www.enea.it/it/produzione-scientifica/EAI/anno-2011/indice-world-view-3-2011/fusione-fredda
(8) http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2013/08/21/le-cat-e-largenteria-di-famiglia-cont/comment-page-1/#comment-445074

Daniele Passerini ha detto...

@Hermano Tobia
Sembra che l’incorreggibile sparabufale seriale abbia deciso di battere tutti i record...
Sarebbe da farne un post. Posso ripubblicarlo?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario & co.
"..@Alessandro Pagnini
"Non resta che sperare che abbiate torto"
Alessandro lo abbiamo detto mille volte anche noi (io, Franco, Giancarlo, Tia e qualunque scettico di buon senso) che saremmo felici di avere torto..."

Non ne dubitavo :-)
Su di te però ho qualche dubbio, perchè ci perderesti una bevuta (non me lo scordo!) :-D

Hermano Tobia ha detto...

@Daniele
Sarebbe da farne un post. Posso ripubblicarlo?

Certamente !

gio ha detto...

@ mario massa

prova a rileggere quanto scrivi ; vedi già come è complessa la situazione.
è tecnicamenete già difficile individuare l'oggetto del contratto..
una causa civile in questo campo è destinata a durare biblicamente .

tu dici è una frode!.....ti riporto un caso visto e sentito con i miei stessi occhi ,contratto con firme palesemente falsificate e quindi si ì proceduto a fare querela!: bene il giudice ha archiviato , ritenendo la materia non attinente al campo penale ma civile!

aggiungici che mose srl è socia di DGT in DE e il gioco diventa proceduralmente un guaio da gestire.


rossi invece ti dice; ti do un oggetto che ha un cop 6.
ecco qui l'oggetto , dammi i soldi , se non fa cop 6 te li restituisco!!!

capisci che è tutta un altra storia giuridicamente!!!!!

AleD ha detto...

@carloluna:
"
Ce l'hai con i pannelli fotovoltaici sopra i tetti degli edifici?
"
Contro i pannelli non ho nula, io ce l'ho con la masmaglia di gente che li cita come alternativa ai fossili dato che non lo sono ma nemmeno con il binocolo. Hai presente come funzionano? Hai presente come invece tu consumi l'energia elettrica? Ecco, non potrai che essere d'accordo.

"
Oppure sei contro la non inquinante tecnologia della pirolisi che aiuterebbe l'Italia a superare l'inverno prossimo senza il gas russo?
"
Così a spanne su quanta biomassa vorresti far conto per ridurre l'importazione delle decine di migliardi di m3 di metano?
Tu almeno la usi la stufa pirolitica?

"
Oppure non vuoi che la tecnologia di Rossi se funzionante possa servire anche per la difesa e il ripristino ambientale?
"
Ma che discorsi, mai stato masochista. E' che siano un attimo indietro ancora prima di sbilanciarci in questo senso.

"
Hai interessi diretti o indiretti nella lobby della cementificazione territoriale?
"
Si, a scrivere questi post sono pagato 1000 euro a post! E per post intendo commento... Ma ROTFL!

"
Su un punto sono d'accordo: no ai parchi eolici.
"
Cos'hanno quelli di brutto? Curiosità.

"
Quell'ansa del Piave rappresenta un patrimonio storico naturalistico di interesse nazionale. Il cortile di casa mia si trova a 30 km di distanza.
Caro trollo, la prossima volta ti lancio un anatema.
"
Ti ho detto, il NIMBY ci sarà sempre, ma ti puoi immaginare se mai qualcuno sia d'accordo con la costruzione di qualcosa di stategico sul serio.
E poi adesso che ci sono i pannellini, l'alternativa è li bella che facile da tirar fuori... E poi ve ne uscite con i figli , i nipoti e le prossime generazioni! Ma per favore, traccia di ipocrisia che si sente da km e km di distanza.

Antonio ha detto...

Salve a tutti e a Daniele che mi consente ogni tanto di riempire qualche riga del suo blog.
Nei ritagli di tempo ho letto quello che ho trovato in giro di fonte certa su Rossi e-cat e compagnia, diciamo che mi sono fatto una cultura. Ma leggendo mi sono aumentati i dubbi.
Intanto: sono anche io in attesa di questo promesso secondo tpr, ma cosa hanno testato e-cat o hot-cat o una ulteriore novità?
Questo continuo cambiare oggetto dei test e delle dimostrazioni oltre che dei setup sperimentali mi pare alquanto strano per uno che ha in mano la scoperta del secolo.
Inoltre ho trovato un vecchio articolo a firma Focardi con una tabellina di rendimenti di decine, centinaia e anche migliaia di unità e un livello di stabilità tali da rendere adatto l'oggetto a scaldare un ufficio.
Vi chiedo: cosa è andato così storto in questi anni per perdere stabilità nel funzionamento (test 2011 e successivi su e-cat) e per scendere ad un COP 6 di e-cat e ancora più basso su hot-cat?
Anni di ricerca e sviluppo persi?
Illuminatemi.
Per evitare polemiche dico che non sono uno scettico ex-ante, sono un ingegnere e i miei ragionamenti ne risentono... nessuno è perfetto ;-)

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Alessandro Pagnini ha detto...

@ Antonio

Ciao Antonio e buon domenica :-)

" sono anche io in attesa di questo promesso secondo tpr, ma cosa hanno testato e-cat o hot-cat o una ulteriore novità?
Questo continuo cambiare oggetto dei test e delle dimostrazioni oltre che dei setup sperimentali mi pare alquanto strano per uno che ha in mano la scoperta del secolo."

Se ho ben capito è un 'mouse hot cat' ;-), ovvero l'apparecchio più evoluto attualmente uscito dalla IH. Ne hanno consegnati 3 uguali, per coprire eventuali guasti, che pare non si siano verificati, per cui ne è stato testato solo uno.
I setup obbligati li faceva DGT (e infatti....), qui sono a discrezione dei tecnici che cercano di validare o confutare il COP>1 e si sono evoluti grazie alle critiche ricevute. Non capisco come mei se non viene tenuto conto delle critiche (es. l'iniezione di CC) si ingenerano (giusti) sospetti, se lo si fa e si cambia il setup (magari migliorandolo), pure...boh? Mai contenti gli ingegneri! :-)
Comunque, ribadisco che il setup non è in mano a IH, ma alle teste d'uovo che smanettano intorno al termogatto e che risponderanno di quanto hanno fatto di fronte ai loro colleghi.

Cos'è cambiato dal riscaldamento dell'ufficio a Bondeno? Qui si possono fare diverse ipotesi, da quelle più benevole, alle più malevole e sono già state rievocate anche recentemente sul blog. Personalmente ritengo a questo punto abbastanza poco utile fare dietrologia, perchè quei fatti sono stati superati da altri, ma ognuno è libero di farsi una sua ipotesi. Ce ne sono per tutti i gusti. Credo la cosa più saggia da fare sia seguire l'evoluzione attuale, perchè ha preso strade 'molto serie' che potrebbero anche portare ad una clamorosa disillusione, ma almeno faranno chiarezza.

MISTERO ha detto...

Sembra che l’incorreggibile sparabufale seriale abbia deciso di battere tutti i record...

Non solo, come "giornalista" proprio non sa fare il suo mestiere, ad esempio:

http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_17/showXhtml.Asp?idAtto=12269&stile=7&highLight=1&paroleContenute=%27INTERROGAZIONE+A+RISPOSTA+IN+COMMISSIONE%27

Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Martedì 18 marzo 2014
nell'allegato al bollettino in Commissione X (Attività produttive)
5-01813

Per gli aspetti di competenza della Difesa, si fa presente, in linea generale, che l'attività richiamata dall'Onorevole interrogante era inserita in un programma sperimentale più vasto e complesso, condotto da vari Enti di ricerca afferenti al Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).
Ciò premesso, per quanto riguarda, più specificamente, la »sperimentazione» si evidenzia che, in riscontro ad una specifica richiesta avanzata il 21 novembre 2007 dalla Società Ansaldo Nucleare, nonché sulla base dell'autorizzazione rilasciata dal competente Comando logistico dell'Esercito italiano – Dipartimento tecnico, si sono svolte nello stesso anno alcune attività sperimentali presso i laboratori della Sezione di fisica del Centro Tecnico Logistico Interforze (CETLI) Nucleare Batteriologico Chimico (NBC) di Civitavecchia.
La sperimentazione aveva lo scopo di verificare l'effettiva produzione di neutroni in alcune soluzioni di sali metallici esposte al processo di cavitazione ultrasonica.
L'Ente è stato scelto per la disponibilità sia di locali dotati di adeguata schermatura protettiva dalle emissioni radiologiche che di sorgenti alfa, beta, gamma e neutroniche di americio e berillio, necessarie per la calibrazione dei rivelatori impiegati.
L'attività in questione è stata, poi, ripresa nel 2008 – ovviamente, previa autorizzazione da parte dello stesso Dipartimento tecnico – affinché venissero effettuati ulteriori approfondimenti.
Si fa presente che dopo il 2008 non è stata più eseguita alcuna attività sperimentale, tantomeno è stata redatta, al riguardo, alcuna relazione tecnica da parte del CETLI NBC.
Gli esiti complessivi della ricerca, pubblicati a livello internazionale, risultano controversi e non hanno ottenuto unanimi riscontri sperimentali in seno alla comunità scientifica.
Si rende noto, infine, che la domanda di brevetto avente titolo «Apparecchiature e procedimento per la produzione di neutroni mediante ultrasuoni e cavitazione di sostanze» depositata dal CNR il 2 ottobre 2006, non è stata ritenuta di particolare interesse per la Difesa e, di conseguenza, il relativo brevetto è stato concesso, dal competente Ministero dello sviluppo economico, al CNR in data 29 marzo 2010.
Peraltro, la realizzazione di prototipi per la sperimentazione e/o lo sviluppo di attività per la fissione nucleare non rientra tra i compiti istituzionali del Dicastero che non può, quindi, intervenire in materia.

MISTERO ha detto...

E una chicca, la nuova interrogazione:
http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_17/showXhtml.Asp?idAtto=16052&stile=7&highLight=1&paroleContenute=%27INTERROGAZIONE+A+RISPOSTA+IN+COMMISSIONE%27
Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-02397
presentato da
GALLINELLA Filippo
testo di
Mercoledì 19 marzo 2014, seduta n. 193

GALLINELLA. — Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. — Per sapere – premesso che:
sin dal 2005 nel nostro Paese sono stati avviati esperimenti finalizzati alla produzione di energia attraverso processi di fissione piezonucleare; tali sperimentazioni sono state condotte dal CNR con la collaborazione delle forze armate e della società Ansaldo Nucleare;
nel rispondere ad un atto di sindacato ispettivo sul tema (5-01813) il Sottosegretario alla difesa delegato ha affermato che dal 2008 non è stata condotta più alcuna attività sperimentale sotto la supervisione dello stesso dicastero e che gli esiti complessivi della ricerca risultano controversi non avendo ottenuto riscontri sperimentali unanimi in seno alla comunità scientifica;
nella stessa risposta, il Sottosegretario alla difesa ha altresì affermato che la realizzazione di prototipi per la sperimentazione e lo sviluppo di attività per la fissione nucleare non risulta di propria competenza e pertanto il brevetto «apparecchiature e procedimento per la produzione di neutroni mediante ultrasuoni e cavitazione di sostanze» è, dal 2010, in capo al solo CNR;
da quanto risulta la società Ansaldo nucleare sta conducendo ulteriori ricerche volte a trasformare l'innovazione in materia di fissione piezonucleare in un prototipo industriale che consenta la realizzazione di un impianto pilota per la produzione di energia alternativo al petrolio –:
se il Governo sia a conoscenza delle attività di sperimentazione dell'Ansaldo nucleare e quali aggiornamenti possa fornire in merito ai progressi di tale sperimentazione e all'eventuale rinnovo del brevetto sopracitato. (5-02397)


Ma come, l'Ansaldo nucleare sperimenta sistemi piezonucleari???
Ma non era una bufala, con quali soldi?
E i mille firmatari contro il piezo che cosa dicono?

MISTERO ha detto...

Sempre nel merito del "giornalismo" scientifico, come può essere sfuggita questa notizia??

Carlo Massimo Casciola – Cavitation across Scales: following Bubbles from Inception to Collapse (BIC) -

Descrizione multi-scala della Cavitazione: dall’origine al collasso delle bolle (2.5 milioni di euro).L’attività di ricerca si svolge nell’ambito della fluidodinamica dei flussi complessi, e in particolare sulla cavitazione, cioè la formazione all’interno di un fluido di bolle di vapore che poi implodono, fenomeno che ha luogo quando la pressione del liquido scende sotto la tensione di vapore. Il progetto di Carlo Massimo Casciola, BIC, si propone lo studio teorico/numerico/sperimentale della cavitazione, dalla formazione/implosione delle bolle alle conseguenze macroscopiche: ha come obiettivo una innovativa modellizzazione della cavitazione, che può essere applicata in ambiti molto diversi come ingegneria industriale, idraulica, medicina ultrasonica, tecniche di focalizzazione del rilascio di farmaci e sono-chimica per nano-materiali innovativi. Nell’ingegneria l’interesse è legato al danneggiamento dei materiali, come l’erosione delle eliche navali o delle turbine idrauliche; inoltre, durante il collasso delle bolle si realizzano condizioni estreme (oltre i 4000 °C con pressioni dell’ordine di centinaia di atmosfere) con emissione di onde d’urto e sonoluminescenza che possono essere utilizzate in ambito clinico per l’ablazione di tessuti malati o, in ambito chimico, per la sintesi di materiali innovativi.

“Come molti fenomeni, anche la cavitazione si presta a una duplice lettura, – spiega Carlo Massimo Casciola dell’Università La Sapienza - talvolta è desiderabile, si pensi rilascio di bollicine nello spumante; ma altre volte ha conseguenze disastrose, come ad esempio l’embolia gassosa nella risalita da immersioni subacquee profonde. Quello che noi ci proponiamo è di ricavare un modello che ne permetta il controllo: sviluppando strumenti predittivi multiscala, vogliamo realizzare simulazioni che forniscano una descrizione integrata del fenomeno dal livello atomistico con metodi basati sull’energia libera per lo studio alla nanoscala, a modelli di mesoscala per flussi multifase, fino alla simulazione di fenomeni di trasporto in flussi turbolenti”.


http://www.controcampus.it/2014/05/premiata-eccellenza-delluniversita-la-sapienza-con-advanced-grant/

In questo link, la spiegazione di chi e perché riceve l'advanced grant:

http://www.apre.it/ricerca-europea/vii-programma-quadro/idee/

mario massa ha detto...

@Mistero
"ma altre volte ha conseguenze disastrose, come ad esempio l’embolia gassosa nella risalita da immersioni subacquee profonde."

Caro Andrea, lo so che tu vedi cavitazione dappertutto, ma mi spieghi come fa Casciola a vederla nell'embolia dei subaquei (che è dovuta a semplice liberazione di azoto gassoso nel sangue a seguito della diminuzione di pressione in risalita)?
PS: non mi hai più richiamato. Qualche incomprensione?

mario massa ha detto...

@gio
"tu dici è una frode!.."

Non ne ho la certezza, ma una scommessa 10 a 1 sarei pronto a farla (ma non scommetto mai, non mi sembra bello). Fa eccezione il pagare da bere fatta con Alessandro.

MISTERO ha detto...

Qualche incomprensione?

Gravi problemi personali Mario..

lo so che tu vedi cavitazione dappertutto

E' dappertutto. :-)

ma mi spieghi come fa Casciola a vederla nell'embolia dei subaquei

E' suonata strana anche a me, la confusione forse è dovuta alle formule di Laplace che vengono normalmente utilizzate sia per produrre modelli matematici "predittivi" della formazione di un embolo sia per la formazione di una bolla che cavita.
Tieni presente però che in natura la cavitazione avviene anche nei vasi xilematici delle piante, molto simili ai vasi sanguigni.
Non sono in grado di escludere l'ipotesi che avvengano eventuali fenomeni cavitativi precedenti al fenomeno dell'embolia, infatti:
La cavitazione è un fenomeno che interessa i vasi xilematici, a seguito del passaggio di aria che porta dapprima alla formazione di un vaso cavitato e, successivamente, alla perdita di efficienza di conduzione del vaso xilematico a seguito dell'embolia.

Ho fatto realizzare un modello predittivo della formazione delle micro bolle di cavitazione che tenesse conto oltre che della tensione superficiale del liquido anche di moltissimi altri parametri, questo circa 5 anni fa.

Da cui "intuitivamente" abbiamo ipotizzato la cavitazione quantistica:
http://arxiv.org/ftp/arxiv/papers/1006/1006.1044.pdf
Mi è costata una piccola borsa di studio di 5 mila euro.

Casciola per una cosa simile ha preso 2,5 milioni..
Ci potrà fare da cinquecento a un centinaio di borse di studio circa.


Simplicio ha detto...

In effetti in risalita prima della sosta di sicurezza devi espirare e inspirare in continuità per prevenire edemi polmonari da sovrapressione. In genere il pericolo delle microbolle è quello di aggregarsi in macrobolle, ma forse le ricerche si riferiscono ad immersioni profonde e all'uso di nitrox e altre miscele.

gio ha detto...

@ mario massa

quello che dico del caso DGT, è che se anche lo fosse( una truffa) , sarebbe molto difficile accertarla in un aula di tribunale, perche sembra confuso l'oggetto del contratto e sono confusi i rapporti tra i contraenti, che sono al tempo stesso soci!!!!

brutta gatta da pelare!!!

la proposta contrattuale di rossi , è invece chiara e limpida!!!

tutti gli altri fanno proproste confuse e rischiose :ricerca e sviluppo, trasferimento tecnologico, quote societarie.......solo rossi propone in vendita il device!!!!

se avessi 1,5 mln da buttare:):) non avrei dubbi a scegliere rossi e chiamarti a fare il test per la verifica del cop!!!!:)

mario massa ha detto...

@gio
"se avessi 1,5 mln da buttare:):) non avrei dubbi a scegliere rossi e chiamarti a fare il test per la verifica del cop!!!!:)"

Grazie della fiducia, ma se fossi in te non rischierei quella cifra neanche se ci fossero i migliori verificatori dell'universo.
Aspettiamo il report, ma se anche questo ha un buco (cioè agli esaminatori è sfuggito un possibile trucco), saresti disposto da believer a sostenere sul blog di Rossi il gruppo di ingegneri che costituimmo l'anno scorso? Parlo seriamente.

gio ha detto...

aggiungo una cosa sul fatto che il nostro ,vende qualcosa , che poi secondo qualcuno, si rifiuterebbe puntualmente di vendere e quindi di fatto il nostro non vende alcunchè ;
beh......sul suolo Usa, il comportamento cadrebbe sotto la scure della Federal Trade Commission:

§ 52. Dissemination of false advertisements
(Sec. 12)

(a) Unlawfulness

It shall be unlawful for any person, partnership, or corporation to disseminate, or cause to be disseminated, any false advertisement--

(1) By United States mails, or in or having an effect upon commerce, by any means, for the purpose of inducing, or which is likely to induce, directly or indirectly the purchase of food, drugs, devices, services, or cosmetics; or

(2) By any means, for the purpose of inducing, or which is likely to induce, directly or indirectly, the purchase in or having an effect upon commerce, of food, drugs," devices," services, or cosmetics.

gio ha detto...

@ mario massa
Aspettiamo il report, ma se anche questo ha un buco (cioè agli esaminatori è sfuggito un possibile trucco), saresti disposto da believer a sostenere sul blog di Rossi il gruppo di ingegneri che costituimmo l'anno scorso? Parlo seriamente.


assolutamente sì

Paul ha detto...

>§ 52. Dissemination of false advertisements
Sarà vero in generale, ma...
Alcuni anni fa durante una mia vacanza negli Usa avevo visto in tv la pubblicità di un prodotto a base di oli derivati dalla buccia delle arance, da utilizzare per la pulizia in cucina di superfici ricoperte da grasso e sporcizia incrostata. Nello spot veniva spruzzato questo liquido su tali superfici e, subito dopo veniva passato un panno per asportare tale schiuma. Miracolosamente la superficie appariva immediatamente lucida, pulita e come nuova.
Impressionato da tali performance, prima di ritornare in Italia comprai un flacone di tale prodotto e lo portai a casa per utilizzarlo. Ebbene, non funzionava affatto, assolutamente inutile, come acqua fresca...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario Massa
"Aspettiamo il report, ma se anche questo ha un buco (cioè agli esaminatori è sfuggito un possibile trucco), saresti disposto da believer a sostenere sul blog di Rossi il gruppo di ingegneri che costituimmo l'anno scorso? Parlo seriamente. "

Piena fiducia anche da parte mia, ma devo farti notare che secondo me sei ancora intimamente convinto che finchè il report non lo fai tu, non ha valore. Questo perchè, ed è umanamente più che comprensibile, in quel caso avrebbe grande valore PER TE e magari per noi che ci fidiamo di te.
Lasciami fare una previsione, però. Qualora tu analizzassi il gatto e trovassi che è overunity, io, tu, gio e molti qui dentro saremmo contenti e fiduciosi, ma la comunità degli pseudoscettici ti strapperebbe la pelle di dosso e probabilmente individuerebbe dei buchi anche nella tua procedura, come tu li potrai individuare, probabilmente, in quella appena eseguita. Di te stesso ti fidi ed è giusto, ma agli occhi del resto del mondo, saresti uno dei tanti da demolire. Un possibile trucco, per quanto improbabile si trova sempre ed è per questo che alla fine, anche se il report aprirà una via percorribile per iniziare a porsi sul mercato, la vera strada spianata ad un E-CAT (se funziona ovviamente) la daranno solo le applicazioni funzionanti presso clienti soddisfatti, ovvero gli working plants, come diceva Rossi.

gio ha detto...

@ paul

mi sto insinuando nei ritagli di tempo , nel sistema di common law....non è facile!

quindi sto cercando di fornire interpretazioni da qui , di un sistema che non conosco, con strumenti limitati .

per quanto riguarda quanto affermi non potremmo parlare di false advertisement.....ma"Note that a “false advertisement”, so defined, may not actually be false. It may simply be “misleading” (perhaps because it uses innuendo), or may omit important information."

tra il false e mileading , c'è differenza....una gradazioni di gravità....rossi, prometterebbe in vendita,secondo alcuni, un prodotto che non ha \avrebbe!!!
mi sembra abbastanza grave no!??...oltre che palesemenete falso!!

ma il mio ragionamento è poco seguito , sopratutto dagli scettici!!!

gio ha detto...

@ paul

al volo conseguenze per false advertising:

14 False Advertising Scandals That Cost Brands Millions

http://www.businessinsider.com/false-advertising-scandals-2011-9?op=1

nuovissimo orientamento della supreme court:

http://www.forbes.com/sites/ericgoldman/2014/03/26/supreme-court-changes-false-advertising-law-across-the-country/

gio ha detto...

@ Paul

cancella il caso citato su forbes , in quanto parzialmente pertinente: riguarderebbe la legittimazione dei querelanti!!!

carloluna ha detto...

@aled
Io ho la stufa pirolitica applicata a una stufa rocket-stove.....vedi tu.
Pannelli sugli edifici e non in mezzo ai campi, incentivazione statale del riscaldamento pirolitico , riadattamento a bosco da legna delle zone incolte(mi riferisco alle aree industriali dismesse ;-): questi sono gli interessi strategici nazionali per soddisfare il fabbisogno energetico e non sono gli interessi della mafia cementizia.
Ma che parlo a fare? Tu non sei un trollo. Sei solo un minus habens estetico-empatico. Il paesaggio, la storia, gli animali e le piante, il benessere delle future generazioni sono per te orpelli e ipocriti ostacoli alle colate di cemento che tanto ti piacciono. Un futurista cent'anni dopo! Un piccolo ritardo di cent'anni.

Antonio ha detto...

@mariomassa @alessandropagnini
Premesso che ho conosciuto Mario Massa attraverso questo blog e non l'ho mai incontrato di persona mi sentirei di dargli totale e completa fiducia circa l'esecuzione di un test.
L'osservazione di Alessandro Pagnini è però pertinente (per alcuni versi è quello che è accaduto a valle del suo (ottimo) lavoro circa la compressione elettrochimica in catodo cavo.
Una possibile soluzione che vedo (venendo anche da una certa esperienza in settori totalmente diversi ma fortemente connotati in tal senso) è "condividere il processo" oltre che i risultati.
Sarebbe bellissimo che il gruppo d'indagine aprisse il proprio processo (individuando degli step rilevanti) al contraddittorio, in tempo reale, di coloro che si candidano a discuterne (ovviamente mostrando una competenza reale nelle argomentazioni).
Una specie di "real time shared review".

gio ha detto...

http://www.marketingsherpa.com/article/how-to/5-best-practices-on-using

mario massa ha detto...

@Giovanni Pagnini
"ma devo farti notare che secondo me sei ancora intimamente convinto che finchè il report non lo fai tu, non ha valore. "

Sono sincero, se lo facessi io per me avrebbe il massimo dei valori. Ciò non toglie che se venisse presentato un report da parte di persone terze (che significa non legate al mondo LENR) e competenti (non fisici nucleari per intenderci) tra cui almeno uno scettico noto e questo report non avesse ai miei occhi buchi la mia opinione cambierebbe radicalmente. Manterrei qualche dubbio ma la percentuale si ribalterebbe.

"Qualora tu analizzassi il gatto e trovassi che è overunity, io, tu, gio e molti qui dentro saremmo contenti e fiduciosi, ma la comunità degli pseudoscettici ti strapperebbe la pelle di dosso e probabilmente individuerebbe dei buchi anche nella tua procedura, come tu li potrai individuare, probabilmente, in quella appena eseguita."

Spero che tu e gio sareste quasi convinti anche nel caso di risultato negativo (il quasi è d'obbligo).
La differenza sarebbe che se gli scettici individuano dei buchi nella mia procedura (possibile) chiederei a Rossi di rifare il test con le correzioni necessarie. Inoltre sono convinto che molti degli scettici mi darebbero fiducia: a questo punto pregherei Rossi di invitare i più scettici tra questi. Certamente verrebbero e la loro conferma convincerebbe scettici ancora più oltranzisti. Alla fine si convincerebbero anche Camillo e Ascoli65!

mario massa ha detto...

@Antonio
"Una possibile soluzione che vedo (venendo anche da una certa esperienza in settori totalmente diversi ma fortemente connotati in tal senso) è "condividere il processo" oltre che i risultati."

Al 100% d'accordo. (feci il test sulla caldaietta di Mistero proprio per chiarire come si dovrebbe procedere). E feci vedere come la condivisione del processo parte dalla condivisione del progetto. Nel caso dell'hot-cat per esempio utilizzerei un calorimetro a flusso e non una termocamera e spiegherei bene prima come e perchè in modo che tutti siano convinti che è una cosa necessaria per escludere un errore nella misura della potenza emessa.
Questo significa che se nel prossimo test scopriremo che hanno ancora utilizzato l'emissione di corpo grigio dichiarerò che il test non è convincente. Questo a prescindere dal fatto che ho sempre dichiarato che non credo che l'errore sia nella misura del calore emesso.

gio ha detto...

@mario massa

come sai io sono convinto che il device funzioni; deduzione che traggo da diversi elementi presuntivi, che ho già elencato e evito di ripetere, per annoiare!

sull'operazione report sono convinto che abbia ben altri fini da quelli propriamente scientifici e trovo che il link sopra riportato e qui sotto ripetuto, riassuma ciò che penso meglio di quanto possa fare io,........la mia idea è che si cerchi un "endorsement" da parte di esperti,penso inconsapevoli, per fini principalmente di marketing:

http://www.marketingsherpa.com/article/how-to/5-best-practices-on-using


Experienced marketers use expert endorsements and testimonials because they know they work wonders. But the industry is heavily regulated, so tread carefully.

We compiled a list of best practices to give you hands-on strategies, including tips on before and after photos, collecting affidavits and conducting product demonstrations. Plus, what danger areas you need to avoid.

One of the most popular strategies in direct response advertising is to find a happy customer or impressive expert who can vouch for a product’s effectiveness. But marketers need to understand what kind of claims they can -- and can’t -- make in order to stay on the right side of federal regulations.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario Massa

"Spero che tu e gio sareste quasi convinti anche nel caso di risultato negativo (il quasi è d'obbligo) "

Se smetti di chiamarmi Giovanni, magari mi convinco meglio ;-) :-D
Ovviamente la risposta è sì, almeno per me e togli pure il 'quasi'.

"La differenza sarebbe che se gli scettici individuano dei buchi nella mia procedura (possibile) chiederei a Rossi di rifare il test con le correzioni necessarie. "
Credo sia quello che stanno facendo, tenendo conto delle precedenti critiche, soprattutto della tua, che ha travalicato gli oceani ;-), ma a posteriori qualche nuove idea su come potrebbe essere stato ordito il trucco, con un po' di impegno la si trova sempre.

Non so se sia possibile invece eseguire dei test stile 'social' con tutta una serie di voci più o meno qualificate a intervenire in tempo reale (via twitter, magari?), chi con una richiesta, chi con un'altra. Mi sembra una buona idea in teoria, ma difficile da realizzare in pratica, tanto più quanto l'esperimento è interessante e seguito.

"Inoltre sono convinto che molti degli scettici mi darebbero fiducia: a questo punto pregherei Rossi di invitare i più scettici tra questi."

Secondo me, il TPR avrà una notevolissima validità, per come mi sembra impostato, ma sarei anche io più tranquillo se potessi fare tu le misure, ma questa è un'idea mia. Agli occhi del mondo, vale più un'esibizione di titoli accademici altisonanti ed è evidente che questo TPR ha ANCHE un forte aspetto di tipo commerciale. Bisogna convincere con 'effetti speciali' e professori stimati, anche se magari meno avvezzi di te a queste misurazioni.

Probabilmente il Mario Massa della situazione, bravo quasi, o anche più di te, ci ha messo le mani più volte, per conto di IH prima dell'acquisto (se non son fessi) e probabilmente dopo in fase di controllo degli E-CAT prodotti da loro. Ma questi seri professionisti, che magari danno risultati più precisi e affidabili degli accademici, sono dei Carneade qualunque, sconosciuti ai più e privi di appeal mediatico e di loro non si sa niente. Un report fatto da Mario Massa, da Ascoli65 e da Hermano Tobia e magari anche da me, che l'oscilloscopio lo so accendere e una mano a passare i cacciaviti potrei anche darla, avrebbe valore men che zero, quindi speriamo che abbiano fatto loro un buon lavoro, perchè a noi non tocca di sicuro :-)

piero41 ha detto...

@Mario Massa
“.... nel quale ho dovuto supporre l'iniezione di una DC ... perchè, ...., non sono riuscito a trovare un possibile "errore" più semplice. Il mio pensiero rimane comunque che per quanto strampalato sia un trucco, esso, se tecnicamente possibile, è sempre più probabile di una scoperta epocale.

da e-catworld del 15-05-14 leggiamo
http://www.e-catworld.com/2014/05/15/is-a-bulletproof-e-cat-report-possible/

“The issue of the lack of control of the direct current arrived into the reactor’s resistances is true, as we have seen, but nobody has thought , when the report has been written, to check this point, that was totally out of the minds of all, when the test protocol has been made...... [questa volta] The issue of the measurement of the direct current, for example, has beet taken in strong consideration, as well as many other particulars...... .... But I won’t be surprised if the harshest critics find some other justification to carry on their opposition and raise objections. In the end I don’t think that matters very much — because eventually I expect that working E-Cats will be demonstrated to work well in the real world, but until them, I am not expecting that all the critics will be silenced.”

Certo a me sembra una risposta precisa quasi personalizzata alle tue “giuste (?)” obiezioni tecniche oppure ai “veleni(?)” diffusi da qua a livello globale ??
Ora tu rilanci con:
“Nel caso dell'hot-cat per esempio utilizzerei un calorimetro a flusso e non una termocamera e spiegherei bene prima come e perchè in modo che tutti siano convinti che è una cosa necessaria per escludere un errore nella misura della potenza emessa. ..... se nel prossimo test scopriremo che hanno ancora utilizzato l'emissione di corpo grigio dichiarerò che il test non è convincente. Questo a prescindere dal fatto che ho sempre dichiarato che non credo che l'errore sia nella misura del calore emesso.”

Un po’ tardi come suggerimento ai professori ormai..a me ora sembra quasi una larvata minaccia bohh!! .. ma io che conto!!


@tutti
P.S. Certo sarebbe opportuna anche una tua (di M.M.) dichiarazione/commento sul post sulla giornalista Sylvie Coyaud,.. come quelle di “importanti” penne tecniche che appaiono sul blog, così per vedere un po'se e quanto questo sia "usato" magari solo come tamburo di risonanza quando a loro fa più comodo!! Iniziando dagli amici “molto importanti” difesi qua sopra molte volte, visto che stavolta D22 ha alzato molto il tiro rivolgendosi direttamente al Dr. Ezio Mauro di Repubblica. e certo firme "importanti" avrebbero un bel peso ..certo che poi ehh!! .... Shine intanto si è già espresso!! :))
E’ solo una mia opinione comunque!!

piero41 ha detto...

Vediamo un po’ d’inventare un’altra bella trama per l’ennesimo film di spionaggio su Rossi!!
Ricapitolando il nostro vende (è costretto a ..?) la parte commerciale a Industrial Heat che per diminuire i rischi accetta una partecipazione/vendita diretta di una quota ai cinesi attraverso La Cherokee. Colui che gestisce l’affare mi sembra sia un senatore Repubblicano ehh!!

Si ha notizie di recente di vari importanti congressi anche politici sulle Lenr in Cina. Subito dopo Renzi riesce a vendere una quota di minoranza (meno male!!) dell’Ansaldo ad una importante compagnia cinese dell’energia, (ansaldo nucleare che come ha fatto notare anche Mistero forse era stata più attiva di quel che sembrava sulle Lenr!!..) .Un po’ strano quest’interesse cinese propio in queste circostanze nohh??

Oggi esplode sui media lo scandalo dello spionaggio cinese sulle grandi imprese USA ad opera di 5 militari cinesi... Si parla di spionaggio nel campo civile anche dell’energia non certo militare..su cosa poi? sulla parte oscura di Rossi in mano ai militari?? potrei pensare sullo Hot-cat a produzione diretta di energia!! non ne sappiami più niente??? Certo queste cose sui media non possono apparire...non esistono nemmeno ehh??
Un film...

gio ha detto...

http://www.ftc.gov/sites/default/files/attachments/press-releases/ftc-publishes-final-guides-governing-endorsements-testimonials/091005revisedendorsementguides.pdf

Hermano Tobia ha detto...

@mario massa
Questo significa che se nel prossimo test scopriremo che hanno ancora utilizzato l'emissione di corpo grigio dichiarerò che il test non è convincente.

La misura degli scambi termici attraverso termocamera IR è ormai diventata standard in ambito industriale (1):

Novel Methods for Measuring Heat Flux in Industrial Furnaces

Typically, heat flux measurements have been made using water-cooled probes that are inserted directly into the furnace, influencing the thermal conditions inside the furnace … Two, less intrusive methods have been recently proposed as viable alternatives for the water-cooled probes. These are the infrared (IR) camera [3] and a total heat flux gauge (THFG) that requires no water cooling

ed inoltre:

The THFG and IR camera were both used to measure heat flux in a pilot-scale furnace. … Nevertheless, the close agreement of the heat flux results from both methods suggests that none of the above factors was significant in the present tests.

Infine, lo studio rimarca (come aveva osservato Giancarlo) che in questo caso l'emissività non viene coinvolta nel calcolo.

L'unico potenziale "baco" potrebbe essere il comportamento radicalmente diverso dal corpo grigio, cosa che penso sia alquanto improbabile e che comunque potrebbe essere valutata con una semplice calibrazione.

Va detto che la misura va fatta per bene, ma questo vale anche nel caso di calorimetro a flusso come dimostrano le recenti notizie ...


(1) http://content.lib.utah.edu/utils/getfile/collection/AFRC/id/14366/filename/14387.pdf

gio ha detto...

prevedo un test a prova di scettici, perchè sarà utilizzato a scopi di marketing!!!

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Robbins ha detto...

Non mi piace quando una domanda (e in quanto tale introdotta dalla congiunzione subordinante 'se') viene trasformata altrove in una certezza polemica di cui discutere con gli amici intorno alla tazza fumante.

Shine ha detto...

@Robbins

A me di tazza ne viene in mente solo una, e non fuma

Robbins ha detto...

@Shine
Prosit

AleD ha detto...

@carloluna:
"
Io ho la stufa pirolitica applicata a una stufa rocket-stove.....vedi tu.
Pannelli sugli edifici e non in mezzo ai campi, incentivazione statale del riscaldamento pirolitico , riadattamento a bosco da legna delle zone incolte(mi riferisco alle aree industriali dismesse ;-): questi sono gli interessi strategici nazionali per soddisfare il fabbisogno energetico e non sono gli interessi della mafia cementizia.
Ma che parlo a fare? Tu non sei un trollo. Sei solo un minus habens estetico-empatico. Il paesaggio, la storia, gli animali e le piante, il benessere delle future generazioni sono per te orpelli e ipocriti ostacoli alle colate di cemento che tanto ti piacciono. Un futurista cent'anni dopo! Un piccolo ritardo di cent'anni.
"
Che bravo, c'hai la pirolotica.
Ora ti manca il resto, capire come funzionano i pannellini e quanta biomasa servirebbe per taglaire quegli 80 miliardi di m3 di metano che ci bruciamo ogni anno. Poi quando hai capito e hai tirato fuori i numerini torni qui e mi ridai del trollo.

MirtoFan ha detto...

Intervista col Ceo di DGT
http://egooutpeters.blogspot.ro/2014/05/interview-with-ceo-of-defkalion-green.html
Questi qui sono peracottai che dicono che è tutta una manovra di noi italiani quando si sono inventati tutto loro.

carloluna ha detto...

@aled
Io soluzioni miracolistiche non ne ho. Tu evidentemente si se pensi
che le dighe siano una soluzione. Speriamo in Rossi che sempre sia lodato
(if positive)

carloluna ha detto...

@aled
Io soluzioni miracolistiche non ne ho. Tu evidentemente si se pensi
che le dighe siano una soluzione. Speriamo in Rossi che sempre sia lodato
(if positive)

gio ha detto...

per la serie fammi causa::

I was strongly advised by our personnel to use our Lawyers for the breaching of the NDA, but so far I have not taken any action, as I strongly believe that there are strong hidden interests.



e come spesso capita, un 'opposta rappresentazione della realtà,

My question to him was why he accepted the Defkalion Shares, why he made the Italian presentation and why he brought the subject up when we could not repeat the same test together because of our departure schedule.

Q: Did he really receive shares of the company?
A: Yes, and he signed for the shares.
Q: Did he signed a NDA?

MirtoFan ha detto...

http://www.mail-archive.com/vortex-l@eskimo.com/msg93693.html
"If he wanted to falsify the experiment, he should try hard. What I see here
is just redherring, anedoctal evidence.

So, this report is a piece of shit.

--
Daniel Rocha - RJ"

Gamberale sarebbe il cattivo che falsifica i documenti secondo questo genio

Alessandro Pagnini ha detto...

@ MirtoFan
"Gamberale sarebbe il cattivo che falsifica i documenti secondo questo genio "

Che vuoi, ora comincia la battaglia, che andrà di sicuro a finire in tribunale e non si sa bene come, tra l'altro. Poveri Gamberale & co, in che ginepraio si son messi! :-(

gio ha detto...

E' ormai evidente che il test oggetto del 3rd party report, ha prima dell' obiettivo scientifico , due altri scopi fondamentali:

- fornire un protocollo condiviso ed inattaccabile per testare il cop dell'E-cat.
e tutto questo grazie , principalmente al contributo dei vari iper-scettici che in rete lo hanno stracriticato fornendo a chi lo stava preparando un feed back fondamentale e aggratiss!!!!

- sarà strumento di comunicazione su cui si baserà il marketing dell'ecat!

gio ha detto...

poi c'è un altro aspetto fondamentale legato alle condizioni di vendita!

gio ha detto...

conferma su cobraf di quanto dicevo sopra:

http://www.cobraf.com/showimage.php?image=/forum/immagini/R_123553457_1.jpg

The great thing about the IH investment is that it brings industrial rigour with formal mlle-stone requlremenb to the produci development process (whioh previously only has been conducted by Rossi and his oolleagues in an ad-hoc fashion) and this is something that will benefit Hydro Fusion's market position in terms of higher produci quality and deoreased ti me to market • i.e. accelerated produci roll-out in Hydro Fusion's license areas..
The next big E-Cat event will be the publication of the most rigorous, Independent vatidation test of the technology to date. The test is based on 2 months of oontinuous operation of the E-Cat in an environment fully controlied by the independent vatidators (committee of researchers) and located in a country neutial to Leonardo Corp (i.e. not Italy or the US). The report is expeded to be pubi (shed in June 2014.
The items above are ali strong indicatori that LENR is fìnally getting serious tradì on into the mainstream. We are convinoed that this will be the biggest industriai revolution since the discovery of elecbitity.
Hydro Fusion's business objecth/es in 2014
So what are Hydro Fusion's plans toc 2014? Our main objectives are listed beìow:
• We are working towards consolidating our license areas in Europe • currently our areas cover more than 250 mìllion people and we are look]ng to add at least another 50 -100 mìllion in 2014.
• We will develop the local networks* in our license areas. This means forming partnerships with local energy producers. institutionai customers that primarily need heat production as well as signing up suitable sub-Iicensees, espedally in the Baltiostates and other parts of eastem Europe. Hydro Fusion's immediate attentici! will be on Western Europe.
• We will work to obtain manufacturing rights in Sweden so that we could establish industriai strength produdion capadty of E-Cat powered produds there. This has been a dear aim far Hydro Fusion for a long ti me and which Rossi agrees would be a naturai step if don© in the right format We beiieve that the appearance of Industriai Heat will ad as a catalyst for obtaining those manufaduring rights - that deal set a preoedent for how it can be done and that solution can be templated by Leonardo Corp elsewhere to supply non-American licensees. Sweden would be a naturai base due to the strong ties between Rossi and and the academioworld, a number major industriai player: as well as good relations with the Swedish media.
• We will dynamicslly change our portfolio of LENR-related domain names according to what we judge to be the most promising diredions in the LENR/Cold Fusion field. We are cunently eyeing some areas where we would like to strengthen our presente..
The raised capital will mainly be used to 1) pay the legai coste incurred when setti ng up ali the necessary contrads/agreements with our partnen 2) General business development oosts sudi as the acquisition of further licertses and strengthening of our web strategy.

mario massa ha detto...

@Piero41
"Un po’ tardi come suggerimento ai professori ormai..a me ora sembra quasi una larvata minaccia bohh!! .. ma io che conto!!"

L'utilizzo della termocamera la criticai l'anno scorso appena saltata fuori. Dissi, come oggi, che una calorimetria a flusso sarebbe stata più semplice e inoppugnabile, ma ritenevo comunque la misura con la termocamera probabilmente corretta.
E' quel probabilmente che disturba: se vuoi fare una misura indiscutibile non utilizzi un metodo che prevede supposizioni non verificabili dall'osservatore (nel caso della telecamera devi supporre che il corpo si comporti da corpo grigio, il che è probabilmente vero, ma non ci può essere la certezza). Costruire un calorimetro a flusso per l'hot cat costa meno di quanto abbiamo speso per la bombolina: qual'è il motivo per non usarlo? Sono cattivo e propongo una risposta: perchè quello non sbaglia?

In ogni caso sono convinto che la misura mediante emissione di corpo nero fu di Rossi o di Levi. Se l'hanno utilizzata anche i cattedratici significa che non è vero che hanno progettato loro il set-up della misura (oppure saranno cattedratici ma incompetenti).

"Certo sarebbe opportuna anche una tua (di M.M.) dichiarazione/commento sul post sulla giornalista Sylvie Coyaud"
Non l'ho letta: mettimi il link, poi leggo e commento.

mario massa ha detto...

@Hermano
"La misura degli scambi termici attraverso termocamera IR è ormai diventata standard in ambito industriale (1):"

Costruisco e vendo macchine ove il feedback è mediante pirometro e utilizziamo normalmente la termocamera in laboratorio. Io però non devo imbrogliare nessuno, ma non puoi partire dal presupposto che Rossi sia innocente.

"Infine, lo studio rimarca (come aveva osservato Giancarlo) che in questo caso l'emissività non viene coinvolta nel calcolo."

Giancarlo supponeva di rimanere nel campo di emissione di corpo grigio.

"L'unico potenziale "baco" potrebbe essere il comportamento radicalmente diverso dal corpo grigio, cosa che penso sia alquanto improbabile e che comunque potrebbe essere valutata con una semplice calibrazione."

E' esattamente questo il dubbio (e non è vero che puoi risolverlo con una calibrazione). Esistono vernici selettive con emissività enormemente diverse da quella di corpo grigio:
http://www.almecosolar.com/cms/data/10/54.pdf

Le termocamere usuali (suppongo anche quella usata da Levi) leggono solo nel campo 8-14um. Supposta una temperatura di 800°C il picco di Vien è a 2.5um. Se supponi di realizzare una vernice con emissività quasi nulla intorno a 2.5um, avrai come risultato che la temperatura del corpo sarà maggiore a parità di energia emessa. La misura effettuata dalla termocamera sarà comunque corretta e coinciderà con la misura effettuata mediante termocoppia.
Esiste questa vernice? Io non credo anche perchè di vernici che resistano a queste temperature ne esistono poche, ma Rossi ha lavorato con i militari: chi può dirlo?

Comunque una cosa che mi sono sempre chiesto (e lo avevo detto anche qui l'anno scorso) è perchè Rossi abbia dipinto l'acciaio quando si sa che a 800°C l'emissività dell'acciaio ordinario è prossima a 1.

"Va detto che la misura va fatta per bene, ma questo vale anche nel caso di calorimetro a flusso come dimostrano le recenti notizie ..."

Questo rimane sempre vero, ma come dimostrano le recenti notizie un imbroglio su una calorimetria a flusso si scopre facilmente (basta che ti ci facciano avvicinare....)

mario massa ha detto...

@Alessandro Pagnini
"Se smetti di chiamarmi Giovanni, magari mi convinco meglio ;-) :-D"

Scusa, coi nomi sono dislessico!

" ma a posteriori qualche nuove idea su come potrebbe essere stato ordito il trucco, con un po' di impegno la si trova sempre."

Sempre è eccessivo. Man mano che escludi possibilità devi supporre cose sempre meno credibili (purchè tecnicamente possibili) e a un certo punto anche lo scettico comincia a prendere in considerazione che la cosa possa davvero funzionare. Credo sia un processo doveroso, che anche i believers dovrebbero seguire: se funziona funziona, non bisogna avere paura di mostrare tutti i dubbi possibili. La differenza tra scettici e believers dovrebbe essere solo nell'intima convinzione, non nei metodi. Io sono convinto che non funzioni, Hermano che funzioni, ma dobbiamo analizzare i dati con la stessa freddezza e distacco che una analisi tecnica richiede.

Hermano Tobia ha detto...

@mario massa

Grazie per il tuo commento sempre puntuale ed interessante. Una sola precisazione:

e non è vero che puoi risolverlo con una calibrazione

Per la verità non intendevo una calibrazione con la termocoppia, ma con un blank-run dove l'energia termica rilevata deve essere equivalente a quella elettrica immessa (già nel TPR precedente questo è stato fatto mi sembra).

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario
"Sempre è eccessivo. Man mano che escludi possibilità devi supporre cose sempre meno credibili (purchè tecnicamente possibili) e a un certo punto anche lo scettico comincia a prendere in considerazione che la cosa possa davvero funzionare "

Lo scettico sì, il negazionista ipotizzerà anche l'improbabile al cubo. Vorrei chiarire che non ti colloco tra i negazionisti, ma tra gli scettici pessimisti.

" La differenza tra scettici e believers dovrebbe essere solo nell'intima convinzione, non nei metodi "
Come sopra: un believer è un believer e se viene scoperta una truffa, vuol dire che è una macchinazione, un bel complotto :-)
Un dialogo abbastanza costruttivo, può avvenire solo tra coloro che non prendono di conoscere in anticipo la verità, altrimenti diventa fede, in un senso o nell'altro. Io, come Hermano, sono un ottimista, ma sono anche pronto ad accettare, come penso anche Hermano del resto, una verità spiacevole.

Ovviamente, si spera in splendide notizie :-)


Alessandro Pagnini ha detto...

errata corrige:
prendono di conoscere ---> preTEndono di conoscere

Posta un commento

N.B. La responsabilità di quanto contenuto nei commenti è sempre esclusivamente di chi li scrive. È particolarmente benvenuto chi si esprime e argomenta in modo educato, chiaro, non polemico. Le opinioni espresse da chi usa la sua vera identità (e non si "nasconde" dietro a un nick) sono particolarmente apprezzate.
Nota del 10/11/14 - da oggi vige di nuovo la moderazione dei commenti, per tutti salvo che per gli "autori" del blog.

Related Posts with Thumbnails