IL BLOG DI QUEI 2+2 GATTI APPASSIONATI D'AMORE, POESIA, SPIRITUALITÀ, LIBRI, MUSICA, POLITICA, DEMOCRAZIA,
TECNO-ECO-SOSTENIBILITA', ENERGIE PULITE, COLD FUSION, LENR "E TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO? OPPURE...

domenica 22 aprile 2012

Fusione fredda:
a scuola la studiano e fanno sul serio!

Rappresentazione dell'Athanor degli antichi alchimisti

Giovedì scorso siamo tutti venuti a sapere che un gruppo di docenti afferenti alle discipline scientifiche, insieme agli allievi dell’indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio, avevano portato la ricerca sulla fusione fredda all'interno di un Istituto d'Istruzione Superiore, il Leopoldo Pirelli di Roma, ottenendo a quanto sembra risultati tecnologici di altissimo rilievo.

Questo fantastico progetto scolastico interdisciplinare s'intitola “Il sole in laboratorio" e il piccolo reattore che ne è nato, brevettato dall'IIS Pirelli, è stato battezzato Athanor. Sottolineo la scelta non casuale di dare tale nome a un'apparecchiatura dove si integrano processi elettrochimici e reazioni nucleari a bassa energia, al fine di produrre energia dall'idrogeno a sua volta contenuto nella semplice acqua. Athanor era il nome della fornace alchemica, in quanto proprio la negazione della morte (Α-Θάνατος) rappresenta il perpetuo rinnovarsi delle cose attraverso processi di trasmutazione.

Dunque, da una parte il sogno degli antichi alchimisti di trasmutare gli elementi attraverso reazioni chimiche, dall'altro la scoperta, del XX secolo, di come i processi di trasmutazione appartengano al regno della fisica nucleare, due mondi finora creduti non comunicanti, stanno trovando una sintesi inedita nel XXI secolo: le LENR quale "via di mezzo" tra chimica e fisica. Una rivoluzione che sta finalmente uscendo allo scoperto attraverso invenzioni quali l'E-Cat di Rossi e l'Athanor dell'IIS PIrelli.

L'altro ieri avevo scritto alla segreteria della Fondazione J.Von Neumann, per avere un contatto con l'Ingegner Ugo Abundo, coordinatore del gruppo di docenti dell'IIS PIrelli coinvolti nel progetto. Alle prime ore di oggi mi è arrivata la risposta dell'Ingegner Abundo... certe e-mail non possono arrivare che in un giorno 22! :-)

Come da invito del mittente, sono lieto di poterla condividere con tutti i lettori del blog.

***

Finalmente, Dott. Passerini !!!
Molto lieto di conoscerLa.
Allora siamo finalmente riusciti ad incontrarci (sul web).

Dunque, stavo da un po' cercando, attraverso la segreteria della Fondazione J.Von Neumann (Ente di ricerca in Artificial Intelligence), di contattare il Vs sito, che leggo con molto interesse da tempo, apprezzandone con stima l'impronta.
Era mia intenzione, attraverso il blog, invitare in tempo Vostri simpatizzanti al Convegno, per uno scambio diretto di idee.
Si può sempre rimediare.

Tra pochi giorni metteremo in rete la videoregistrazione dell'intero convegno, dalla presentazione, agli interventi degli allievi, alla accensione "live" del reattore, all'ora e mezza di confronto attraverso liberi interventi e discussione collegiale.

E aggiungeremo una mole di materiale tecnico riguardante la sperimentazione effettuata e i piani di prosecuzione.

Le accenno che si tratta di un reattore elettrolitico (tipo Mizuno, Iorio), ma con la fondamentale differenza che impiega nanopolveri libere, non trattate ne' fissate su supporti, che siamo riusciti a confinare e ad accendere in un reattore totalmente innovativo a letto fluido.

Alternativamente a chi fa un tipo di comunicazione purtroppo vulnerabile reclamando rese che vengono solitamente smentite da detrattori, noi durante il convegno, pur comunicando di avere ottenuto (secondo la nostra interpretazione delle misure) rese dell'ordine del 400% e superiori, non abbiamo dato una dimostrazione in diretta di tali misurazioni (abbiamo solo acceso il reattore per comunicare visivamente di cosa si trattasse), ma con una fondamentale novità.

La novità consiste nel fatto che abbiamo brevettato il catodo a polveri da parte della Scuola, cosicché da ora in poi nessuno interessato esclusivamente al lucro personale potrà più brevettarlo.

L'Istituzione Pubblica, d'altro canto, potrà fornire l'apparecchio per permettere sperimentazioni, o solo la licenza d'uso all'irrisorio costo del materiale illustrativo per la costruzione autonoma e il migliore protocollo di utilizzo.

Siamo un gruppo di (docenti) progettisti con capacità settoriali in radioprotezione, chimica, fisica, matematica, ingegneria, e abbiamo integrato le nostre forze in questa realizzazione (con l'aiuto prezioso dei nostri studenti che hanno acquisito notevoli competenze sul campo, seppur ovviamente limitate agli aspetti didattici).

L'aver brevettato è funzionale alla più aperta circolazione, ora, sia dei piani costruttivi, che delle prove e delle interpretazioni, nell'ottica di poter condividere le informazioni senza timore che il lettore brevetti lui ciò che gli abbiamo comunicato noi, e successivamente impedisca a noi e agli altri di proseguire in direzioni promettenti.

Abbiamo poi sfidato i detrattori ad eseguire loro le misurazioni, e noi controlliamo dove fanno gli errori, rendendoci disponibili persino a prestare immediatamente il nostro apparecchio ma conducendo le prove in nostra presenza (smaschereremmo persino un detrattore prestigiatore!).

In questi giorni stiamo riprendendo fiato dall'impegno, grande, dell'organizzazione logistica dell'evento, e controllando come evolve la reazione a catena post-evento, in termini di diffusione delle notizie, possibilmente corrette (ma già abbiamo purtroppo rilevato degli errori, veniali, di trasmissione...).

A breve potremo collaborare con Voi fornendovi dette informazioni aperte, al fine della più veloce diffusione.

Siamo inoltre interessati a qualsiasi proposta Vostra, o pervenutaVi attraverso le Vostre pagine.

Stiamo raccogliendo intorno a noi professionalità atte a costituire quella massa critica per scardinare il muro di difficoltà tecnologiche, scientifiche e di metodo che non hanno ancora permesso di spiegare la natura dei fenomeni coinvolti, e mirare ad una campagna di sperimentazioni appositamente progettate al fine della COMPRENSIONE del fenomeno (sappiamo di mirare forse troppo in alto, ma almeno coglieremo qualche successo rasoterra nella peggiore delle ipotesi, mentre mirando basso si colgono solitamente solo obiettivi sottoterra...).

Suggerisco di accedere al sito della Scuola: www.leopoldopirelli.it, nella cui homepage comincia ad esserci un elenco, di già non più aggiornato, dei riferimenti ai link che parlano dell'evento, che crescono di numero così velocemente che i ragazzi della redazione interna non fanno in tempo ad indicarli.

Con preghiera di divulgare sia la presente che i nostri apprezzamenti per il Suo lavoro e di chi rende vivace il Vostro blog, Le invio molti cordiali saluti personali, e da parte del gruppo che coordino.

Ing. Ugo Abundo

***

Prossimamente nuove informazioni sull'Athanor dell'IIS Pirelli (tenete comunque d'occhio i commenti a questo post).

P.S. L'ingegner Abundo aggiunge:

"...sarà possibile immediatamente disporre GRATUITAMENTE, da parte di chi Vi legge, dei piani costruttivi per autocostruirsi il reattore ed esercirlo, al fine di aprire una campagna di sperimentazioni libere con lo scopo di raggiungere, e spero superare presto, le rese che a noi si sono presentate.

La realizzazione non è difficile e non presenta costi elevati, nemmeno per la strumentazione, così che decine di sperimentatori indipendenti possano essere coinvolti.

Molti cordiali saluti, e perdoni la telegraficità ma stiamo correndo.

67 : commenti:

GianLupi ha detto...

Scrivere qualsiasi cosa dopo questa lettera mi è davvero difficile, faccio prima a dire che sono momentaneamente colto da un impulso emozionale, è tornata l'Italia dei geni, navigatori, poeti e gente Grande, studenti compresi.

miriam ha detto...

grazie daniele
grazie a tutti gli studenti e professori di vero cuore ,così seri e concreti, è un barlume di speranza,per noi tutti
ciao da mimmo canino

Marcellogo ha detto...

Grandi, grandissimi...

robi ha detto...

a questo punto ,Daniele,
chiedere se Mario Massa,Vettore,Rampado,Barney,Bertoldo e sicuramente qualche altro che so di dimenticare potessero partecipare ad una prova sarebbe il massimo.
Il professore Abundo è di una gentilezza squisita

robi ha detto...

mi scuso
ingegnere Abundo

Tizzboom ha detto...

Ora quello che serve e` una verifica da parte di enti indipendenti (Universita`, ecc) in grado di garantire che l'eccesso di calore e` extra-chimico. Dopodiche' la strada sara` tutta in discesa!

Daniele Passerini (22passi) ha detto...

@TUTTI
L'ingegner Abundo aggiunge:
"...sarà possibile immediatamente disporre GRATUITAMENTE, da parte di chi Vi legge, dei piani costruttivi per autocostruirsi il reattore ed esercirlo, al fine di aprire una campagna di sperimentazioni libere con lo scopo di raggiungere, e spero superare presto, le rese che a noi si sono presentate.
La realizzazione non è difficile e non presenta costi elevati, nemmeno per la strumentazione, così che decine di sperimentatori indipendenti possano essere coinvolti.
Molti cordiali saluti, e perdoni la telegraficità ma stiamo correndo.

giuliano ha detto...

Sarebbe interessante capire se è vero che, con questo reattore, almentano già le cosiddette "lavagne interattive".....significa che già stanno producendo energia elettrica? ma forse qualcuno ha capito male ...fosse vero sarebbe veramente una rivoluzione!

Tizzboom ha detto...

@giuliano: quella delle lavagne interattive alimentate credo sia una delle imprecisioni menzionate.

Paul ha detto...

>... e mirare ad una campagna di sperimentazioni appositamente progettate al fine della COMPRENSIONE del fenomeno...

Grandi, grandissimi!!
Quindi: il fenomeno della produzione di calore in eccesso è reale, e resta "solo" da spiegare il come ed il perché. Ma questo è il bello della faccenda, che permetterà di riscrivere o aggiornare capitoli della fisica alla faccia di chi dice che non è possibile.

Bene fanno a permettere ai detrattori di fare liberamente le sperimentazioni e le misure.

E' il modo migliore per convertire gli scettici onesti.
Poi, gli altri scettici troveranno sempre il modo di dire che è scam, che le misure sono sbagliate, che sono allucinazioni collettive ecc. Finché rimarranno sempre più isolati e in minoranza, fino a scomparire nell'oblio generale...che brutta fine!!

triziocaioedeuterio ha detto...

Io non posso fare altro che esprimere un sincero e sentito ringraziamento a Daniele per il suo impegno profuso ai fini della divulgazione di queste tematiche, che altrimenti sarebbero di ben piu' difficile fruibilità,alimentando al contempo il dibattito che si fa di giorno in giorno piu' serrato.
Se l'argomento lenr ed affini sta lentamente prevalendo sull'oscurantismo imperante(tipico purtroppo della società attuale) che lo ha relegato fino ad oggi a fenomeno da baraccone ,è anche merito tuo.

Un saluto.

Tommaso

AC/DC ha detto...

Questa bellissima iniziativa mi incuriosisce sempre piu', soprattuto la volonta' di renderla completamente open source.

vincenzo da torino ha detto...

Sicuri sicuri? Cop 400? Inviare una squadra di pompieri ben attrezzata! Urgono squadre di pronto intervento chiaramente formata da tecnici validi.
Astuta l'idea di presenziare agli esperimenti da parte degli insegnanti della scuola. Di questi tempi...vista l'esperienza del dopo Pons...vista la posta in palio... Complimenti e speriamo...

Shine ha detto...

Secondo me state viaggiando un po veloci. Cop 400?? Mm povero Rossi, col suo misero cop 6 e la gente che pubblica apertamente è a dir poco fottuto!

Tizzboom ha detto...

@vincenzo da torino: 400% resa = COP 4

giuliano ha detto...

Rese del 400% significa COP=4

Rampa ha detto...

"...pur comunicando di avere ottenuto (secondo la nostra interpretazione delle misure) rese dell'ordine del 400% e superiori..."

400% è COP 4.

Comunque un risultato strabiliante !!!

triziocaioedeuterio ha detto...

Cop 400% non 400...quindi ne deduco che detta alla rossi debba essere cop 4...

vincenzo da torino ha detto...

@così è scritto, secondo le loro misurazioni! Prudentemente dice anche che se altri troveranno un cop inferiore va bene lo stesso. Preferiscono puntare in alto, dicono! Cosa che mi fa sospettare che proprio sicuri non lo siano....Su due piedi mi pare un tantino esagerato, ma non sono un tecnico. e taccio.Meglio andare con i piedi di piombo. Nulla vieta tuttavia di augurarci che abbiano ragione come anche non abbiamo motivi per dubitare della loro buona fede. Almeno che io sappia e so poco... Rossi? sarebbe dura. Comunque Rossi è già avanti nella messa a punto e uscirà ugualmente. Magari ci sarà una proficua allenza?
Sta diventando un bel thriller, il lenr! Quante puntate occorreranno per un serial televisivo se va avanti così?

Anto ha detto...

Sentite congratulazioni all'ingegner Abundo che ha trovato il modo di anticipare le mosse dei debunkers!

mauro bertini ha detto...

caro Daniele mi sa che sei diventato automaticamente punto di riferimento sulle lenr.Ora sono le persone che fanno ricerca a cercarti per far conoscere ciò che fanno.Grazie perchè seguendo te ci teniamo aggiornati

vincenzo da torino ha detto...

@Rampa. Pardon!

PietroCostanzo ha detto...

Un sogno sempre più vicino alla realtà...
Grazie...

dave ha detto...

Perhaps already been up here? Replication. experiments 2012-04-12.
http://lenrforum.eu/viewtopic.php?f=3&t=147

bach ha detto...

@D22
grande grande notizia questa. Sembra incredibile che alcuni professori e dei volenterosi allievi siano riusciti dove qualificati team di scienziati stanno faticando.
Il fatto che sia cosi "facile" raggiungere obiettivi di questa posta mi fa pensare...
Sembra che tanto più è semplice, popolare ed evidente la verità sulle LENR tanto più forte e decisa è la campagna di denigrazione per impedirne la conoscenza al grande pubblico. Ma ora la diga eretta dai disinformatori comincia a cedere... speriamo definitivamente! Grazie Daniele per fare da punto di riferimento su questo importantissimo argomento.

Tizzboom ha detto...

Comunque prima di squillare le trombe aspetterei almeno i dati degli esperimenti, le modalita` di misurazione, ecc.

Visto che si parla di interpretazione delle misure e di strumenti di misura poco costosi (se vi ricordate Celani ha sempre detto che il difficile non e` effettuare l'esperimento, ma misurarlo dato che occorrono apparecchiature di precisione - costose - e controlli su controlli per essere sicuri dei risultati), forse e` meglio adottare un po' di cautela preventiva.

Insomma, detto in pratica: se hai centinaia di watt o addirittura kilowatt in eccesso e` molto difficile non vederli. Quando si ha a che fare con i milliwatt e` molto piu` facile sbagliarsi magari per non avere tenuto conto di possibili artefatti di misurazione o di tutte le possibili reazioni chimiche per i volumi, le masse e gli elementi in gioco.

ulixes ha detto...

Il "DONO" comincia a concretizzarsi.

Un'era volge al termine e con essa la menzogna e la schiavitù che l'hanno contraddistinta.
Il recinto sta per essere sollevato; il velo dissolto; le catene spezzate.
L'umanità si avvia ad uscire dal più buio periodo della sua storia, degno del peggior film di fantascienza.

"...l'uomo diverrà ciò per cui è nato: libero ed indipendente!" - J. F. Kennedy
______________________________________

"..i nostri apprezzamenti per il Suo lavoro e di chi rende VIVACE il Vostro blog.."

Mancherà Valeria anche a lui???

Valè torna! A quanto pare i "truffatori" proliferano.
Anche fra i banchi di scuola (eccheccàcchio!)

carloluna ha detto...

Voglio segnalare che da settembre dell'anno scorso esiste una discussione
su energeticambiente intitolata l'Alchimia madre di tutte le LERN

http://www.energeticambiente.it/ai-confini-della-scienza/14743987-lalchimia-la-madre-di-tutte-le-lern.html

credo la troverete interessante e sarebbe bello riaccenderla

paitnicola ha detto...

risultato grandioso, un applauso a queste persone! e il brevetto è più che azzeccato

Daniele Passerini (22passi) ha detto...

@tutti
L'Ing. Abundo mi ha scritto per informare che ci manderà presto altre informazioni e che in poche ore già 3 università si sono fatte avanti per chiedere di poter validare le rese che sono state stimate dal gruppo dell'IIS Pirelli. In questa fase il gruppo sta selezionando, con riconoscenza ma con cautela, i piani di sperimentazione che diano maggiori garanzie di obiettività; chiaramente i docenti dell'IIS Pirelli saremo presenti ai test giorno e notte.
L'Ing. Abundo mi prega infine di porgere i suoi saluti a tutti i lettori del blog 22 passi, complimentandosi per la serena cautela degli interventi che ha letto. Precisa infine che ovviamente il COP è 4 e che lavagne a vapore non le hanno...! ;-)

Anto ha detto...

Il telefilm diventa sempre più intrigante.

Marco da Rallo ha detto...

.. lavagne a vaporee ee e eee!

grande un ingegnere spiritoso converte 1.000 scettici "guardoni"

di nuovo complimenti
M.
(valeriiaaa...)
e batti sto colpo!

nocaserma @gmail.com ha detto...

Scusate ma questa notizia mi turba.
Non c'è più nessuno in giro fra quelli che se Rossi avesse permesso sarebbero stati capaci di mettere le mani sull'e-cat per testarlo sul serio? Mario massa, antop..? Perchè data la disponibilità del Professor Abundo io direi che chiunque abbia un laboratorio a disposizione dovrebbe mettersi SUBITO a fare le prove.
Poco tempo fa eravamo disposti a far collette per mandare qualcuno in grecia a testare l'Hyperion...qui è molto più comodo e facile. Qualcuno lo faccia, per favore.

AB ha detto...

@Daniele

Potresti dirmi dove reperire i piani costruttivi che l'Ing. Abundo ha messo a disposizione?

ulixes ha detto...

"(valeriiaaa...)
e batti sto colpo!"

Se n'è andata davvero!

http://nazret.com/blog/media/blogs/new/monkey.JPG

ulixes ha detto...

"..Poco tempo fa eravamo disposti a far collette per mandare qualcuno in grecia a testare l'Hyperion...qui è molto più comodo e facile. Qualcuno lo faccia, per favore."

I miei miseri cento euro sono sempre a disposizione.

Daniele Passerini (22passi) ha detto...

@tutti
Vettore, Rampado, Mario Massa sono già informati dell'evolversi degli eventi... state tranquilli.
Ora non posso star dietro al blog. Vi aggiornerò questo pomeriggio.

guido52 ha detto...

Buon giorno Daniele,
complimenti , sei ( quasi ) riuscito a "bonificare" il tuo blog.
Completa l'opera e questo tuo spazio diverra' definitivamente il riferimento di chi vuole ( e si vuole) informare in materia di LENR. Se mi permetti un consiglio : mantieni un ferreo controllo sui contenuti cioè dai ampio spazio anche ai critici ma imponi uno stile sobrio e educato dei commenti e opponiti a qualsiasi divagazione complottista e irrazionale.

Guido

robi ha detto...

ulxes
quando avrà esaurito la sua carica di vendetta (è anche giusto che qualcuno lo faccia),vedrai che si ripresenterà

ulixes ha detto...

"Buon giorno Daniele,
complimenti , sei ( quasi ) riuscito a "bonificare" il tuo blog.
Completa l'opera e questo tuo spazio diverra' definitivamente il riferimento di chi vuole ( e si vuole) informare in materia di LENR. Se mi permetti un consiglio : mantieni un ferreo controllo sui contenuti cioè dai ampio spazio anche ai critici ma imponi uno stile sobrio e educato dei commenti e opponiti a qualsiasi divagazione complottista e irrazionale."

"bonificare"???

"divagazione complottista e irrazionale"???

giuliano ha detto...

bnissimo!.... allora se le lavagne a vapore non le hanno sicuramente funzioneranno a corrente elettrica!
quindi questa battuta non fa che confermare l'ipotesi della produzione di energia elettrica.
So benissimo che non è così.... sarebbe troppo bello!!!

Daniele Passerini (22passi) ha detto...

@tutti
Per favore, discutere del comportamento di alcuni utenti del blog in questo post è OT. Non lascerò passare altri OT qui dentro. Per gli OT avete a disposizione, come consuetudine, i post del lustro.
Grazie

Zeno ha detto...

Bentrovati a tutti.
Caro Daniele,
visto che l'ing. Abundo dichiara che sono disponibili a fornire "la licenza d'uso all'irrisorio costo del materiale illustrativo per la costruzione autonoma e il migliore protocollo di utilizzo" dichiaro il mio interesse ad averla e a procedere a mie spese a replicare autonomamente l'esperimento.
Resto in attesa che l'Ing Abundo
comunichi le modalità per acquisire la licenza.
deangelis.enzo@alice.it

ant0p. ha detto...

nocaserma @gmail.com ha detto...
------Non c'è più nessuno in giro fra quelli che se Rossi avesse permesso sarebbero stati capaci di mettere le mani sull'e-cat per testarlo sul serio? Mario massa, antop..? Perchè data la disponibilità del Professor Abundo io direi che chiunque abbia un laboratorio a disposizione dovrebbe mettersi SUBITO a fare le prove.--------

grazie per avermi associato a mario massa:)) penso che lui sia quello più esperto per fare queste prove, oltretutto mi pare che il liceo pirelliano-interista sia a roma e lui è più vicino..però prima aspetterei maggiori dettagli sul tipo di test che vogliono fare e lascerei la precedenza alle università per vedere che report faranno.
io per adesso resto a guardare, se poi la cosa si rivelerà interessante sono anche disposto a andare a roma, ma non certo da solo, al massimo faccio da assistente a mario massa, in ogni caso sempre meglio essere in 4-5, mario organizza le misure e gli altri assistono e fanno dei controlli incrociati.

MISTERO ha detto...

Eccomi Daniele, scusa il ritardo nel rispondere come sai sono molto impegnato per il convegno di Torino al Politecnico; tra l'altro in questi giorni sto registrando un nuovo servizio che andrà in onda su MISTERO (a breve avrai nuovo materiale da divulgare). :-)))))
L'iniziativa dell'ISS PIRELLI dal mio punto di vista è una "provocazione" che farà molto discutere, ma soprattutto farà molto riflettere tutti gli inventori che fino ad oggi hanno avuto tra le mani questa scoperta pensando solo di trarne un vantaggio economico.
Una lezione in tutti i sensi.
Non posso che complimentarmi con tutti i professori coinvolti e gli alunni che per un anno intero hanno lavorato in assoluto silenzio alla larga da riflettori, media, blog e forum.

Bravi, bravi, bravi!!!

Sarà mio impegno sostenere e divulgare questa meravigliosa iniziativa.

Tizzboom ha detto...

@MISTERO: "Provocazione" ?? Cioe`?
Spero non quello che mi e` appena balenato in mente.

MISTERO ha detto...

Tizz, non ho idea di che cosa ti possa balenare per la mente, ma la mia frase è molto comprensibile, la parola provocazione è virgolettata, il resto va da se...
Una lezione per tutti!!!

matteo ha detto...

Bravissimi! I Ragazzi e i Professori che li hanno inidirzzati.
Complimenti a tutti e...cross fingers :)

piero41 ha detto...

@D22
L'ing Abundo parla genericamente di brevetto.. spero che non sia solo italiano che vale, mi sa, quanto il 2 di picche, spero che sia internazionale, ma informati perchè quando pubblicherai i documenti qua sopra saranno letti ovunque.... il cop ora conta poco ma quel letto liquido per le polveri mi sembra propio una chicca!! o sbaglio..

Tizzboom ha detto...

@MISTERO:
>Tizz, non ho idea di che cosa ti possa balenare per la mente...

Una cosa del genere:

"Pur sapendo che probabilmente i risultati delle nostre sperimentazioni sono in generale ambigui ed inconclusivi, speriamo con questa nostra iniziativa di stimolare la ricerca e le replicazioni da parte di terzi in maniera che questo campo ottenga la visibilita` che merita e magari venga sviluppato a dovere da chi ha piu` risorse di noi"

Ovviamente questo paragrafo e` totalmente di mia invenzione e non voglio attribuirlo all'istituto Pirelli, ma a mio parere non e` troppo fuori dal mondo immaginarsi qualcosa del genere leggendo di "provocazioni" in tal senso.

Piu` semplicemente senza girare intorno alla questione, non vorrei che poi siano costretti a ritirare il tutto dopo aver scoperto errori nascosti/non preventivati ed i docenti coinvolti facciano la fine di Fleischman & Pons (ma senza le accuse di frode scientifica).

Anche per questo mi auspico verifiche universitarie indipendenti quanto prima, per essere sicuri che qualcosa c'e`, sia esso nucleare o superchimico o altro, prima di suonare le fanfare. La buona volonta` cosi` come i buoni proposti sono encomiabili, ma da soli non bastano.

tia_ ha detto...

>si tratta di un reattore elettrolitico (tipo Mizuno, Iorio)

Il reattore iorio-cirillo è famoso perchè molti all'inizio pensavano che effettivamente avesse un guadagno energetico. si è poi scoperto che tale guadagno era fittizio e dovuto alle problematiche della misura dell'energia in ingresso, dovuta al plasma che rendeva difficile la misura senza un buon set-up e adeguata preparazione

mario massa ha detto...

@antOp

Grazie della stima.
Anche se sono un po' scettico sulla persona dell'ing Abundo che mi appare da alcuni suoi scritti particolarmente "fantasioso" sarei felicissimo di poter effettuare misure sulla sua cella a nome di 22passi. Personalmente riterrei un errore il fatto che vari tecnici di questo blog contattino l'ing. Aburno indipendentemente: meglio accordarci sul da fare e poi contattarlo e prendere accordi insieme.
Questo è un invito a contattarmi per te, Vettore, Mistero e gli altri tecnici che leggono.

mariomassa@excite.it


@Zeno

Personalmente ritengo un errore iniziare dalle repliche quando l'inventore è disponibile a verifiche presso di lui: se la replica funziona OK, ma se la replica non funziona cosa fai? Dichiari che è una bufala o ritieni di avere sbagliato tu qualcosa?
Un test presso l'ideatore (come del resto ha fatto Rossi) è molto più risolutivo. Ovviamente i test bisogna farli bene e avere la strumentazione idonea. Se il risultato è positivo allora sì, via alle repliche.

Tra parentesi non ci si deve scordare che stiamo parlando di esperimenti pericolosi (alte tensioni, possibilità di scoppio, nanopolveri) che non dovrebbero essere effettuati da persone poco esperte di laboratorio o non adeguatamente attrezzate e tanto meno da ragazzi senza la presenza di persone qualificate.

mario massa ha detto...

@Piero41
"L'ing Abundo parla genericamente di brevetto.. spero che non sia solo italiano che vale, mi sa, quanto il 2 di picche"

L'ing. Abundo dice chiaramente di aver depositato un brevetto "difensivo".
A questo scopo il brevetto Italiano va benissimo (lo scrivi in un pomeriggio e costa meno di 300 euro): una volta brevettato in un qualunque paese una invenzione non può più essere brevettata da nessuna altra parte e questo è lo scopo di un brevetto "difensivo".

mario massa ha detto...

@Mistero
"la parola provocazione è virgolettata"

La parola "provocazione" virgolettata o meno non la capisco. O i dati dichiarati sono veri e allora non si tratta di "provocazione" ma di rivoluzione, o i dati sono falsi per errori involontari e allora non si tratta di "provocazione" ma di scarse capacità, o i dati sono volutamente falsi e allora si tratterebbe di goliardia se fatta solo da studenti, di cretinaggine totale se fatta da dei professori di una scuola statale.

Sei d'accordo di sentirci per decidere come procedere nel contattare l'ing. Abundo?

piero41 ha detto...

@tia
" si tratta di un reattore elettrolitico (tipo Mizuno, Iorio), ma con la fondamentale differenza che impiega nanopolveri libere, non trattate ne' fissate su supporti, che siamo riusciti a confinare e ad accendere in un reattore totalmente innovativo a letto fluido."

Immagino che sia un tipo di reattore alquanto diverso dai soliti elettrolitici ed innovativo data la presenza di nanopolveri libere confinate e poi accese sul/nel fluido ed anche il rendimento potrebbe migliorare anche notevolmente , che dici? o mi sbaglio e sostanzialmente rientra nella norma del tipo? .

mario massa ha detto...

@Tia
"si è poi scoperto che tale guadagno era fittizio e dovuto alle problematiche della misura dell'energia in ingresso"

Hai perfettamente ragione. Mi pare però che Iorio e Cirillo avessero pubblicamente ammesso l'errore dimostrando serietà. Anche fisici e professori possono sbagliare le misure (soprattutto quando vogliono fare misure fuori dal loro campo).

L'apertura da parte dell'ing. Abundo a verifiche esterne è assolutamente lodevole: anche se una verifica dimostrasse che si tratta di un errore nessuno può incolparlo di nulla. Probabilmente farebbe solo una figura un po' magra davanti ai suoi studenti che però avendo partecipato all'indagine non avrebbero voce in capitolo per denigrarlo.

tia_ ha detto...

>Mi pare però che Iorio e Cirillo avessero pubblicamente ammesso l'errore dimostrando serietà


Non lo metto in dubbio, era solo per sottolineare che col reattore che hanno costruito c'è questa incognita che ha già strinato molte persone

giuliano ha detto...

ecco il link alla relazione Ioro-Cirillo dove è spiegata la causa degli erroi di misura sulla cella, fondamentalmente derivati dall'assorbimento impulsivo distribuito su di un largo spettro di frequenza.

http://www.ioriocirillo.com/ita/dettagli.documento.php?id=20

comunque penso che l'ing. Abundo abbia letto tale relazione dove è anche sucggerito un metodo più preciso di misura e non credo sia caduto negli stessi errori ma abbia imparato da questi.
Inoltre il COP della cella Iorio era intornoa 1.2 mentre in questo caso è stato dichiarato COP superiore a 4 e quindi meno sogetto ad errori di valutazione

MISTERO ha detto...

Mario, per me leggendo i pochi documenti e la mail scritta dall'ing. Abundo, traspare molta provocazione, virgolettata perché è tra le righe, rivolta soprattutto a chi normalmente di "mestiere" fa le pulci alle virgole analizzando testi e paper in merito alle questioni LENR.
Mi ha dato l'impressione di essersi preparato molto bene, in questo senso ho letto la "provocazione".
Spero di aver chiarito ;-)
Tornando a noi, disponibilissimo, sto preparando la mail.

Zeno ha detto...

@ mario massa
"Personalmente ritengo un errore iniziare dalle repliche quando l'inventore è disponibile a verifiche presso di lui. Un test presso l'ideatore (come del resto ha fatto Rossi) è molto più risolutivo. Ovviamente i test bisogna farli bene e avere la strumentazione idonea. Se il risultato è positivo allora sì, via alle repliche."
Sono d'accordo con te. Ma era necessario rispondere a chi ci chiedeva di farci avanti dopo la risposta negativa di Rossi al test indipendente richiesto da "22 passi, dato che questa possibilità ci viene invece offerta dall'Ing Abundo.
Io abito nei pressi di Roma e sono disponibile a far parte del gruppo che eventualmente effettuerà le misure sulla cella a nome di 22 passi.
Nel caso potete contattarmi direttamente: deangelis.enzo@alice.it

piero41 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Quantum Leap ha detto...

Interessantissimo questo nuovo layout della cella.
Soprattutto per l'aver ottimizzato alcune geometrie.

Le nostre sperimentazioni sulla cella non si sono mai fermate. Dal 2008 (anno in cui ci accorgemmo dell'errore di misura volt-amperometrica) ad oggi, i sistemi di misura si sono evoluti e sono stati resi più precisi dall'ingresso di specifiche competenze nel team. I dati energetici sono interessanti (ma non ancora definitivi), i dati sulle misure nucleari (neutroni ultra-lenti) attestano un'attività di questo tipo in prossimità del plasma catodico.

Sono felicissimo che i ragazzi dell'Istituto Pirelli si siano distinti per l'impegno nello sviluppo e il miglioramento in questa sperimentazione e grande stima per l'ing.Abundo e per il suo entusiasmo.

Ci mettiamo a disposizione dell'ing.Abundo per qualsiasi scambio di informazioni, dettagli e quant'altro possa essere utile. Mi piacerebbe che il buon Daniele ci metta in contatto.

Ci sono tante potenzialità da esplorare intorno al plasma elettrolitico e penso che, collaborando, si raggiungano gli obiettivi prima e meglio.

Con grande stima.
Domenico Cirillo
(cella Iorio Cirillo)

Daniele Passerini (22passi) ha detto...

@Quantum Leap
Ciao Domenico, lieto di risentirti, avevo dato la email che chiedi a Roy l'altro ieri affinché vi mettesse in contatto... non ti è arrivata?
Te l'ho mandata adesso con un messaggio privato dentro EnergeticAmbiente.
Scrivimi anche al mio indirizzo email che ti ho lasciato... così in futuro se serve possiamo contattarci al volo.
Un abbraccio

Amedeo ha detto...

Mi è chiaro come si calcola la potenza in ingresso, ma non ho capito come calcolate la potenza totale di calore fornito da cui calcolate il fattore 400.
Grazie
Amedeo Carcassi
amedeo@carcassi.it

daniele ha detto...

Salve a tutti, sono un laureato in fisica curioso e molto interessato alla sperimentazione e verifica dell'apparato, se possibile vorrei partecipare a un eventuale gruppo o poter contattare direttamente il professore e l'equipe che ha reso possibile questa reazione.
Fautore della scienza partecipata, come dice Abundi, spero di trovare altra gente curiosa come me! aspetto risposte
grazie ancora!

Daniele

lorenzo ha detto...

Una riflessione sulla scuola, avendo avuto due figli che hanno frequentato un ITIS a Rosignano Marittimo con insegnanti indegni di questo nome:
- Ma allora, forse un Dio c'é?
A codesti insegnanti un.. grazie di esistere!

nontrovounusername ha detto...

Fantastico

Posta un commento

N.B. La responsabilità di quanto contenuto nei commenti è sempre esclusivamente di chi li scrive. È particolarmente benvenuto chi si esprime e argomenta in modo educato, chiaro, non polemico. Le opinioni espresse da chi usa la sua vera identità (e non si "nasconde" dietro a un nick) sono particolarmente apprezzate.
Nota del 10/11/14 - da oggi vige di nuovo la moderazione dei commenti, per tutti salvo che per gli "autori" del blog.

Related Posts with Thumbnails